GELICHI: PERCHÉ NON PARTONO LE BONIFICHE DI CITTÀ FUTURA ?

 “Città futura” a Piombino ormai sta ritornando un “progetto utopia”, e quando sembrava che forse si era riusciti ad imboccare la strada giusta, a fine 2010, con l’anno appena concluso invece abbiamo visto fare notevoli passi indietro. Leggiamo un commento del consigliere Riccardo Gelichi sull’argomento in relazione ad un articolo apparso lunedì 6 gennaio che potete leggere premendo su questo LINK.

«Città Futura non esiste più, è bene ricordarlo – inizia Gelichi di Ascolta Piombino –  il Comune di Piombino con lettera del 31 marzo 2011, ha rinunciato all’attuazione dell’intervento. Non si capisce allora quali sono le attività produttive che dovrebbero sorgere in quegli ambiti, mi riferisco all’articolo apparso sulla stampa che indicava lo stop al bando delle Bonifiche per ulteriori studi, propedeutici proprio allo sviluppo produttivo delle suddette aree. Le previsioni urbanistiche attualmente prevedano cose irrealizzabili in quei siti, se non sarà modificato qualcosa nel tanto atteso e continuamente rimandato Regolamento Urbanistico, roba che comunque vedremo compiuta se va bene fra un decennio.

Invece non si capisce proprio perché i soldi stanziati dal Ministero dei Beni Ambientali, già disponibili, rispetto ad un progetto del Comune di Piombino, non sono utilizzati; ricordo che le bonifiche dovevano iniziare a metà anno del 2011. Quindi, se l’Amministrazione comunale volesse fare un’operazione di chiarezza e non di propaganda, dovrebbe rispondere alle seguenti domande:

1) Quali sono le opere che s’intende realizzare del progetto Città Futura una volta bonificati i terreni? Con quali soldi s’intendono realizzare?

2) Con quali altri s’intende urbanizzare dette aree perché gli imprenditori, quelli che dovrebbero fornire posti di lavoro, realizzino le previsioni artigianali e commerciali ivi compresi?

Per il fallimento di Città Futura sono stati spesi circa un milione d’euro dei cittadini, più le ore dedicate dagli uffici comunali per i progetti, ma non bastava, mancavano le duemila euro di nuove tavole per le bonifiche, ma cosa volete che siano duemila euro a confronto di un milione».

Riccardo Gelichi
Portavoce di AscoltaPiombino

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 7.2.2012. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 28 giorni, 23 ore, 13 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it