AGRICOLTURA: ALTRI 20 MILIONI PER I PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA

Un trattore al lavoroUn trattore al lavoro

TOSCANA – Agricoltura: la Regione spinge sull’accelleratore dei Pif, i progetti integrati di filiera e per il 2012 stanzia altri 20 milioni di euro.
Quella dei Pif, il nuovo strumento attraverso il quale la concessione del finanziamento pubblico al mondo agricolo e agroindustriale è subordinata alla firma di un “accordo di filiera” fra i partecipanti, era stata la grande novità del 2011.

“Il primo bando sui “progetti integrati di filiera” lanciato nella primavera scorsa – ricorda l’assessore all’agricoltura della Regione Toscana, Gianni Salvadori – aveva fatto “strike” con una pioggia di progetti presentati. Dopo un’attenta valutazione, da parte di una apposita commissione di esperti, i progetti integrati di filiera che sono stati finanziati con i 25 milioni della prima tranche sono stati 15, per un investimento complessivo di 57 milioni. I progetti hanno riguardato l’intero territorio toscano, hanno coivolto 1250 imprenditori e hanno interessato complessivamente 7000 addetti.

Le filiera coinvolte sono state: quella dei cereali con 5 progetti finanziati per oltre 26 milioni di investimenti, la zootecnia ancora con 5 progetti e oltre 16 milioni di investimenti, l’olio, il vino e il vivaismo, ancora con 5 progetti complessivamente e 14 milioni di investimento.”
Lunedì 16 gennaio la giunta regionale ha approvato le nuove “linee guida” per il futuro bando sui nuovi Pif, che dovrà uscire a breve e che avrà una dotazione di 20 milioni di euro.

“Rispetto al bando precedente – fa sapere l’assessore – sono state apportate alcune modifiche. Le principali novità riguardano l’introduzione della “filiera corta” e della castanicoltura e i piccoli frutti all’interno delle attività finanziabili con i nuovi Pif. Naturalmente restano anche le precedenti filiere: cerealicola, zootecnica, olio, vino e vivaismo. L’altra novità riguarda un accorciamento sensibile dei tempi per l’istruttoria e la concessione dei finanziamenti.”

Le parole d’ordine, oltre all’integrazione, sono innovazione, salvaguardia ambientale, recupero di risorse e filiera corta.
“Gli accordi di filiera – sottolinea Salvadori – hanno lo scopo di incentivare le aziende a “fare sistema” aggregando i soggetti della produzione con quelli della trasformazione e superando così la frammentazione e la dimensione eccessivamente modesta che caratterizza la gran parte delle aziende toscane. Gli accordi sottoscritti grazie ai Pif garantiscono inoltre prezzi certi per tutti i protagonisti, contribuendo a metterli al riparo dalle eccessive oscillazioni dei mercati, che sopratutto nell’ultimo anno, hanno rischiato di mettere in ginocchio i produttori ma anche molte aziende dell’agroalimentare. Infine, ma non per importanza, i Progetti integrati di filiera garantiscono più competitività, più sicurezza sul lavoro e più qualità dei prodotti.

L’esempio offerto dal primo bando ha infatti dimostrato – conclude l’assessore – che i progetti presentati hanno rivelato importanti idee innovative i cui principali obiettivi riguardano la riduzione dei costi sia nella fase colturale che nella fase di trasformazione, l’aumento della competitività delle aziende agricole, il miglioramento quali-quantitativo dei prodotti da immettere sul mercato, l’aumento della sicurezza sui luoghi di lavoro e la riduzione dell’impatto ambientale.”

AGRICOLTURA: ALTRI 20 MILIONI PER I PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA
TOSCANA – Agricoltura: la Regione spinge sull’accelleratore dei Pif, i progetti integrati di filiera e per il 2012 stanzia altri 20 milioni di euro.
Quella dei Pif, il nuovo strumento attraverso il quale la concessione del finanziamento pubblico al mondo agricolo e agroindustriale è subordinata alla firma di un “accordo di filiera” fra i partecipanti, era stata la grande novità del 2011.
“Il primo bando sui “progetti integrati di filiera” lanciato nella primavera scorsa – ricorda l’assessore all’agricoltura della Regione Toscana, Gianni Salvadori – aveva fatto “strike” con una pioggia di progetti presentati.
Dopo un’attenta valutazione, da parte di una apposita commissione di esperti, i progetti integrati di filiera che sono stati finanziati con i 25 milioni della prima tranche sono stati 15, per un investimento complessivo di 57 milioni. I progetti hanno riguardato l’intero territorio toscano, hanno coivolto 1250 imprenditori e hanno interessato complessivamente 7000 addetti.
Le filiera coinvolte sono state: quella dei cereali con 5 progetti finanziati per oltre 26 milioni di investimenti, la zootecnia ancora con 5 progetti e oltre 16 milioni di investimenti, l’olio, il vino e il vivaismo, ancora con 5 progetti complessivamente e 14 milioni di investimento.”
Lunedì 16 gennaio la giunta regionale ha approvato le nuove “linee guida” per il futuro bando sui nuovi Pif, che dovrà uscire a breve e che avrà una dotazione di 20 milioni di euro.
“Rispetto al bando precedente – fa sapere l’assessore – sono state apportate alcune modifiche. Le principali novità riguardano l’introduzione della “filiera corta” e della castanicoltura e i piccoli frutti all’interno delle attività finanziabili con i nuovi Pif. Naturalmente restano anche le precedenti filiere: cerealicola, zootecnica, olio, vino e vivaismo. L’altra novità riguarda un accorciamento sensibile dei tempi per l’istruttoria e la concessione dei finanziamenti.”
Le parole d’ordine, oltre all’integrazione, sono innovazione, salvaguardia ambientale, recupero di risorse e filiera corta.
“Gli accordi di filiera – sottolinea Salvadori – hanno lo scopo di incentivare le aziende a “fare sistema” aggregando i soggetti della produzione con quelli della trasformazione e superando così la frammentazione e la dimensione eccessivamente modesta che caratterizza la gran parte delle aziende toscane. Gli accordi sottoscritti grazie ai Pif garantiscono inoltre prezzi certi per tutti i protagonisti, contribuendo a metterli al riparo dalle eccessive oscillazioni dei mercati, che sopratutto nell’ultimo anno, hanno rischiato di mettere in ginocchio i produttori ma anche molte aziende dell’agroalimentare. Infine, ma non per importanza, i Progetti integrati di filiera garantiscono più competitività, più sicurezza sul lavoro e più qualità dei prodotti. L’esempio offerto dal primo bando ha infatti dimostrato – conclude l’assessore – che i progetti presentati hanno rivelato importanti idee innovative i cui principali obiettivi riguardano la riduzione dei costi sia nella fase colturale che nella fase di trasformazione, l’aumento della competitività delle aziende agricole, il miglioramento quali-quantitativo dei prodotti da immettere sul mercato, l’aumento della sicurezza sui luoghi di lavoro e la riduzione dell’impatto ambientale.”

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 18.1.2012. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    42 mesi, 20 giorni, 10 ore, 53 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it