LUCCHINI: A NATALE LA GIOIA DEI BAMBINI, LA PREOCCUPAZIONE DEI PADRI

Una classe davanti all'albero di natale Lucchini

Davvero tante, le frasi d’incoraggiamento che i bambini delle elementari ieri hanno rivolto agli operai della Lucchini. Erano presenti la 1° A Ghiaccioni, 2° A, B e C del Perticale e 5° del primo Circolo, che sono arrivati alla portineria Lucchini per addobbare l’albero di ferro di Natale, l’albero della speranza.

Per l’amministrazione comunale era presente l’assessore Anna Tempestini, che si è commossa ricordando il momento difficile in cui sta vivendo la fabbrica e la città, “momenti purtroppo già vissuti” ha detto. Ad ogni bambino è stato poi donato dalla Lucchini il profilo di una rotaia. E quando si illuminato l’albero anche le foto in bianco e nero posizionate su una bacheca, come per magia altre foto (di Franco Fidanzi) sono diventate a colori. Fim, Fiom e Uilm hanno voluto ringraziare l’Intelmeccanica che ha realizzato l’albero di ferro, la Tiemme che ha messo a disposizione i pullman per il trasporto dei bambini e l’Unicoop Tirreno che insieme ai sindacati metalmeccanici ha donato dei buoni per l’acquisto di materiale didattico alle maestre che hanno partecipato.

Le preoccupazioni davanti alla fabbrica non sono comunque cessate, infatti i lavoratori della TreEmme si sono fermati fuori dalla portineria per protestare, solo con la loro presenza per ricordare a tutti che ieri non hanno riscosso lo stipendio di dicembre.

Poi c’è la questione dell’asseveramento del piano di ristrutturazione che forse arriverà entro natale. Sembra che sia in fase di traduzione dall’Italiano all’inglese per permettere la firma anche alle banche estere. Poi avverrà il deposito al Tribunale di Milano. Solo a quel punto si sbloccheranno finanziamenti diventati vitali, ma saranno soldi solo per le necessità “correnti”, la fabbrica ha bisogno invece di soldi per il lungo periodo. E intanto la politica si sta muovendo per organizzare quanto prima un incontro al ministero.

Perché la situazione in Lucchini è sempre più pesante. Ogni giorno sembra essere quello buono, per la presentazione del piano finanziario legato al rientro dal debito maturato dall’azienda che sta superando gli 800 milioni.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 21.12.2011. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 27 giorni, 20 ore, 0 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it