SAN VINCENZO: LA TENUTA DI RIMIGLIANO È A RISCHIO IDRAULICO

Vignetta del comitato sul canale sopra la principessa

Il «Comitato per Campiglia» ha segnalato e pubblicato anche sul suo sito internet uno studio idrogeologico sulla tenuta di Rimigliano della Ingeco di Pisa, allegato ai documenti della variante del Regolamento Urbanistico del Comune, e recentemente pubblicato sul sito ufficiale dell’amministrazione comunale.

Dalla lettura dello studio idrologico idraulico, si apprende che i corsi d’acqua della Tenuta «non sono globalmente in grado – si legge – di far defluire le portate di piena anche per bassi tempi di ritorni». Una notizia, questa, mai comunicata prima della pubblicazione di tali documenti.

Dopo i gravi problemi verificatisi ultimamente anche in Toscana a seguito di dissesti idrogeologici, questa notizia, secondo alcuni oppositori dell’intervento urbanistico, potrebbe rimettere in dubbio la totalità del piano, soprattutto a seguito delle recenti leggi regionali che impediscono la costruzione di edifici vicino ai corsi d’acqua e in zone a rischio idraulico.

Secondo il documento ufficiale, «la Fossa Calda – si legge – presenta incapacità di deflusso nel tratto a monte della congiunzione con il Rio Santa Barbara» e «il canale di Rimigliano ventrale è totalmente incapace di far defluire le portate di piena a causa della limitata capacità di sollevamento dell’impianto idrovoro e alle pendenze di fondo praticamente assenti».

Inoltre, dal punto successivo si apprende che il canale di Rimigliano orientale è anch’esso «interessato – si legge nello studio – da importanti esondazioni, specialmente nel tratto dell’immissione con la Fossa Calda alla linea ferroviaria».

La zona in prossimità della foce è il punto nevralgico, secondo lo studio, per l’efficienza di deflusso della rete: «Gli elevati livelli del mare – si legge nel documento ufficiale – raggiunti durante le mareggiate impediscono il corretto smaltimento delle acque e i livelli liquidi nei canali sono notevolmente rigurgitati».

Per contrastare questi rischi, l’Ingeco propone di realizzare una nuova stazione di sollevamento che serva sia il canale di Rimigliano centrale che orientale, che possa recapitare in mare attraverso una condotta forzata o un canale sopraelevato.  La condotta forzata o il canale sopraelevato bypasserà tutto il sistema della foce dopo aver attraversato la via della Principessa e la spiaggia.

Questo per il Comitato per Campiglia significa principalmente due cose:

la prima è che la zona in cui si intende costruire è potenzialmente a rischio alluvioni;

la seconda è che la condotta forzata sopraelevata sulla Principessa e poi attraverso la pineta verso il mare, sarebbe a forte impatto in zona turistica.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 5.12.2011. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 18 giorni, 12 ore, 0 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it