PIOMBINO: CARLA BEZZINI COORDINATRICE DI SEL

la nuova coordinatrice Carla Bezzini

Infermiera presso il pronto soccorso di Villa Marina e laureata in filosofia, Bezzini prende il posto di Ilio Benifei, responsabile locale di Sel dalla nascita del partito fino ad oggi. La neo-coordinatrice, eletta all’unanimità dall’assemblea degli iscritti al circolo “Cento Passi” Piombino-Val di Cornia, rappresenta una scelta di continuità all’interno del partito e garantisce impegno, competenza e conoscenza della realtà territoriale. Rinnovato anche il coordinamento locale.

“ E’ per me un grande onore lasciare la mia carica ad una persona che fin dagli esordi di Sel si è battuta per le nostre battaglie ed è fortemente consapevole delle criticità del territorio “ – esordisce il coordinatore uscente Benifei, presentando alla stampa Carla Bezzini.

Prima donna a rivestire questo ruolo nel territorio, Bezzini, si presenta ferma nel volersi battere per il rispetto del programma elettorale e non è disposta a fare sconti a nessuna forza politica: “Sel rivendica la propria autonomia di critica e di giudizio sia nei contesti in cui è presente in maggioranza sia quando si situa all’opposizione. Siamo convinti che la dialettica e le scelte condivise siano un bene per la democrazia del territorio e non un ostacolo alle decisioni.”

La presentazione della neo-coordinatrice si è rivelato un appuntamento importante per ribadire le linee programmatiche dell’opera politica che SeL ha portato avanti fino ad oggi e che rafforzerà in futuro.

Duro il giudizio sulla realtà Piombinese: “Piombino presenta una sostanziale crisi di identità, dovuta certo alla crisi economica e industriale, ma anche ad una disgregazione tutta locale che affonda le sue radici nell’incapacità di andare oltre l’immagine di una città arroccata intorno alla fabbrica e a un modello di sviluppo industriale”. “SeL crede che per uscire dalla crisi occorrano scelte ed un cambio di rotta rispetto ad una politica che sempre più nasce dalle ristrette cerchie delle segreterie dei partiti e non mostra di volersi aprire alle sensibilità che emergono quotidianamente nel tessuto di Piombino e della Val di Cornia”.

Grande attenzione viene ribadita in merito alla tutela ambientale, alle politiche di cementificazione e alle scelte urbanistiche dei comuni: “Riteniamo – prosegue Bezzini – che il paesaggio e i beni naturali siano una risorsa pubblica e che la privatizzazione possa portare ad un impoverimento e ad una conseguente riduzione delle potenzialità territoriali. L’operazione Rimigliano, per esempio, produrrà una rendita immobiliare, ma sarà per la Val di Cornia e per la Toscana una ferita indelebile”.

Resta negativo il giudizio sull’autostrada tirrenica: “noi rimaniamo fermi alla contrarietà al progetto di SAT e daremo il nostro assenso soltanto se verranno fatti gli investimenti sulla viabilità alternativa, sulle complanari e sulla 398 fino al Porto. Infine chiediamo a gran voce l’esenzione del pedaggio per i residenti”.

SeL rivendica, inoltre, il lavoro svolto in merito alla promozione del referendum sui servizi pubblici e vuole stimolare il recepimento in tempi brevi della volontà dei cittadini di avere un gestore pubblico di acqua e rifiuti. Grande soddisfazione anche per la spinta decisiva nell’adozione del percorso partecipato per la rivalutazione della zona di Baratti.

“Noi lavoriamo per un centro-sinistra unitario ma non appiattito sulle posizioni delle forze dominanti – chiude il coordinatore uscente Benifei – nonostante progetti come quello di Rimigliano e dell’autostrada vadano in ottica diametralmente opposta”. “Le politiche di scambio non hanno mai portato ad alcun risultato e se non verrà trovata una soluzione condivisa su queste questioni ognuno trarrà le proprie conclusioni”

Andrea Fabbri

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 25.10.2011. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 20 giorni, 16 ore, 10 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it