PIOMBINO: BOTTA E RISPOSTA SUI DOSSI STRADALI TRA PD E FI

Dossi rallentatori a Bastia

I dossi rallentatori, apparsi in questi ultimi mesi in molte strade cittadine di Piombino, anche in quelle a scorrimento veloce, stanno scatenando diverse reazioni tra chi crede che siano utili per la città, e chi le vede invece opere pericolose se piazzate, ad esempio,  in Viale Unità d’Italia e Via della Pace. Affronteremo l’argomento con molta attenzione, in particolare per quanto riguarda il codice della strada e la sicurezza degli automobilisti, oltre che per quella degli anziani e dei pedoni. Riportiamo intanto un botta e risposta tra Partito democratico e Futuro e libertà. Con l’occasione, per dare anche noi un contributo costruttivo alla discussione, riportiamo una foto di due dossi rallentatori, alti circa tre centimetri, posizionati nei viali di scorrimento davanti al porto commerciale di Bastia in Corsica. Natare lo spazio lasciato per il passaggio dei ciclomotori nel mezzo alla carreggiata.

______________________

PD: I DOSSI SONO PER LA SICUREZZA DEI CITTADINI

Riceviamo e pubblichiamo integralmente.

“Abbiamo visto in questi giorni – commenta Daniele Mercati della segreteria del PD di Piombino – alcune prese di posizione sui dossi artificiali ed alcuni passaggi pedonali rialzati, recentemente istallati su alcune vie cittadine con lo scopo di attenuare il fenomeno sempre più diffuso di una guida troppo spesso disinvolta e all’insegna di elevata velocità.

Con tutta franchezza ed al di là di posizioni preconcette dettate dall’appartenenza politica di ciascuno, c’è da restare di stucco a fronte di una lamentela oggettivamente contraddittoria rispetto ad analoghe prese di posizione dei latori di queste rimostranze, ma di segno opposto ovvero a fianco dei cittadini.

Già, a fianco dei cittadini e di quelli più deboli ed esposti alla minaccia di bolidi che in prossimità di scuole e centri abitati sfrecciano incuranti della propria e dell’altrui incolumità.

Conosciamo il Codice della strada perché siamo andati anche noi a leggerci norme e leggi, compresi gli ultimi aggiornamenti dell’Agosto 2010 dove permangono imprecisioni e lacune piuttosto che uniformare l’attuale difformità applicativa di queste misure da città a città, ma tuttavia stabiliscono in qualche misura le regole ed i limiti per l’istallazione di dossi e passaggi pedonali artificiali e rialzati per contenere l’eccesso di velocità e garantire una maggiore sicurezza e dunque in qualche modo ne contemplano l’uso.

L’uso di questi dossi artificiali è largamente praticato nel mondo, l’uso dei passaggi pedonali ad altezza marciapiedi, oltre a dissuadere elevate velocità dei mezzi in transito, favorisce l’attraversamento del fondo stradale a carrozzelle per disabili e passeggini per neonati.

La collocazione di dossi rialzati è segnalata opportunamente, così come l’indicazione dei percorsi da seguire da parte di ambulanze e mezzi di soccorso (che sia pure nel rispetto di particolari emergenze, peraltro concordate ed autorizzate anche all’uso di sirena e lampeggiati dal 118, dovranno tuttavia rispettare il Codice della strada comprese le limitazioni di velocità e particolarmente in assenza di emergenza).

Ma al di là di qualsivoglia cavillo, vogliamo davvero soccombere passivamente a fronte di una sempre più crescente e spericolata guida di qualche pazzoide?

No non ci stiamo ed anzi incoraggiamo l’Amministrazione Comunale, la Giunta ed il Sindaco a procedere speditamente (ahimè limitatamente alle risorse sempre più esigue di cui dispone l’Amministrazione) alla realizzazione di dossi e di passaggi pedonali rialzati nel più breve tempo possibile così come richiesto a gran voce da moltissimi cittadini e così come motivo di plauso verso l’Amministrazione laddove si sono realizzati”.

Segreteria dell’Unione Comunale PD di Piombino,

Mercati Daniele

 ________________________

 AMERINI: SUI DOSSI LA DIFESA DEL PD E’ D’OBBLIGO

Riceviamo e pubblichiamo integralmente.

“La posizione del segretario del PD di Piombino – inizia Amerini – sugli attraversamenti pedonali rialzati, istallati sulla strada di accesso alla città e sul percorso abituale delle ambulanze, non meraviglia più di tanto. Gli autori della “bella trovata” sono la giunta e il sindaco espressi dal suo partito e, si sa, per lui la difesa del loro operato è d’obbligo. Poco importa se con questo ritardano l’intervento dei soccorsi, o se i sobbalzi possono arrecare danno ai malati trasportati sulle ambulanze, l’essenziale è mantenere “alta” l’immagine del partito al quale appartengono.

Il puerile tentativo di giustificare la legittimità dell’istallazione, poi, lascia veramente perplessi. Il segretario del PD afferma: “La collocazione di dossi rialzati è segnalata opportunamente, così come l’indicazione dei percorsi da seguire da parte di ambulanze e mezzi di soccorso….”. Cosa ci può dire il sig. Mercati degli attraversamenti pedonali rialzati istallati a Fiorentina? Quale è la strada alternativa? Forse farebbe meglio a rileggersi con attenzione il codice della strada e le direttive del Ministero delle Infrastrutture. Ma di questo e della legittimità dell’istallazione, se la mozione presentata da Futuro e Libertà non sarà accolta, saranno le competenti autorità a decidere. L’altra affermazione, che concorre a far apparire puerile il tentativo di giustificare l’istallazione, è quella: “Ma al di là di qualsiasi cavillo, vogliamo davvero soccombere passivamente a fronte di una sempre più crescente e spericolata guida di qualche pazzoide?” Cosa vuol dire con questo? Che si ricorre a questi espedienti perché la polizia municipale non è capace di far rispettare i limiti a “qualche pazzoide”? Forse il segretario del PD ammette il fallimento di un servizio fornito dalla “sua” amministrazione? Comunque sia, non si può accettare che, per “qualche pazzoide” che non si riesce a fermare, sempre ammesso che esista, si metta a repentaglio la vita e la sicurezza di diverse migliaia di cittadini della Val di Cornia.

Ma, forse, la vera motivazione dell’istallazione degli attraversamenti pedonali di Fiorentina si trova nell’affermazione del segretario Mercati che dice: “Incoraggiamo l’istallazione di altri dossi e passaggi pedonali rialzati, così come richiesto a gran voce da moltissimi cittadini”. “Di Piombino e che votano il PD”, aggiungo io. Pensare male è peccato, … ma spesso ci si indovina”.

 Giampiero Amerini.

Futuro e Libertà per l’Italia

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 19.8.2011. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 28 giorni, 11 ore, 19 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it