AUTOSTRADA: «CHI PECORA SI FA, IL LUPO SE LA MANGIA»

Un tratto dell'A12

Riportiamo due interventi, il primo di Giuliano Parodi che in una lettera aperta chiede al Presidente della Regione chiarimenti sui numerosi imbarazzanti conflitti d’interesse che colpiscono la futura autostrada tirrenica, mentre il secondo, del PRC di Cecina, ci ricorda che alcuni anni fà l’assessore Conti e il Presidente Martini garantivano in un opuscolo che l’autostrada sarebbe, e per sempre, stata gratuita. Leggiamo insieme.

GIULIANO PARODI: LETTERA APERTA AD ENRICO ROSSI

Caro Presidente il dibattito acceso intorno al corridoio Tirrenico, che va avanti da oltre 40 anni in questi mesi ha visto di nuovo portare alla luce problematiche e posizioni contrastanti. Le scrivo prima ancora che come rappresentante politico, come cittadino, che ha bisogno di avere delle risposte chiare dalla Regione, visto che il partito di maggioranza che amministra i maggiori comuni della Toscana coinvolti nell’affaire Autostrada, anche se interpellato in sedi ufficiali, quali i consigli comunali, fa spallucce e nicchia su alcuni argomenti che invece ritengo di vitale importanza.

  • Come si pone il PD e la Regione Toscana nei confronti del pesante conflitto di interesse che grava sull’AD della SAT, avv. Bargone -gia’ consulente per le infrastrutture dell’assessore Conti della passata giunta Martini- nominato pochi anni fa Commissario Governativo per vigilare i lavori della Tirrenica? Siamo di fronte ad un palese caso di Controllore di se stesso, la qual cosa, non e’ certo garanzia di trasparenza ed efficienza della scelte per la tutela degli interessi dei cittadini. Perche’ prima di qualunque trattativa Regione/SAT non si chiede a gran voce, in nome della trasparenza le dimissione del Dott. Bargone da uno dei due ruoli? Coerentemente con la battaglia senza ecslusioni di colpi che viene fatta dal PD nazionale nei confronti dei vergognosi conflitti di interesse che gravano sul Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.
  • Come mai per anni e’ stato sostenuto da amministratori e SAT che la costruzione del corridoio Tirrenico sarebbe stato fatto totalmente con capitali privati senza nessun onere da parte dello Stato? Dichiarazione fatta anche dal Dott. Bargone – in veste di commissario straordinario- alla VIII commissione parlamentare riunitasi l’11 novembre 2009, e poi invece leggendo pag.23 della Proposta di approvazione del Progetto preliminare, presentato dal Ministero delle Infrastrutture il 16.12.2008, poi approvato dal CIPE, che: “I presupposti per consentire il rimborso del debito (che la Sat farà per sostenere i costi dell’opera) e quello del capitale di rischio con interessi sono legati sostanzialmente all’accollo al Concessionario subentrante (lo Stato) alla scadenza della concessione (2046) dell’investimento non ammortizzato, comprensivo degli oneri finanziari capitalizzati.” In poche parole gli oltre 3 miliardi che SAT investiva gli venivano restituiti in toto a fine concessione dallo Stato, infatti l’eliminazione di questa clausola ha scatenato il finimondo facendo tornare la SAT sui suoi passi.?
  • Come e’ possibile che le cifre sui costi dell’opera vengano modificati a secondo delle dichiarazioni che si fanno: Altero Matteoli, in risposta a Kutufa’ il 26 marzo scorso affermava che il “lotto zero” costerebbe 400 milioni di euro, quando dal piano finanziario presentato dopo l’approvazione del CIPE del 2008 e come sottolineato sempre dall’avv. Bargone nell’udienza alla Camera del 11 novembre 2009, si specifica che il costo delle opere complementari (lotto zero e completamento della 398 fino al Porto di Piombino) e’ di 231 milioni di euro. E’ evidente che qualcuno sta mentendo o e’ chiaramente disinformato, e nessuna delle due opzioni sono garanzia per i cittadini.

In conclusione caro Presidente la mia considerazione riguarda la vera unica priorita’ ossia la messa in sicurezza dell’Aurelia specie nel tratto grossetano-orbetellano, dove incroci a raso e situazioni mai risolte fanno di quella una strada ad alto rischio mortalita’ incidentale.

Perche’ non e’ possibile lottare e pretendere che le infrastrutture siano fatte con soldi pubblici attraverso l’ANAS? E’ cosi’ difficile immaginare di poter vivere in un paese normale dove lo Stato si occupa attraverso la fiscalita’ generale di mantere i servizi ai cittadini?

Lo studio del 2000 dimostrava che con meno di 1 miliardo di investimento si sarebbe realizzata la messa in sicurezza della Aurelia senza bisogno di nessun balzello.

Siamo diventati un paese che abdica tutti i servizi ai privati: dalla scuola alla sanita’ dalla gestione dell’acqua ai lavori pubblici. E non mi vengano a dire, come dichiara il Ministro Matteoli, che le casse dello stato sono vuote, non sono i soldi che mancano, sono le scelte che fanno la differenza, basti pensare che negli armamenti e nella Difesa lo stato Italiano nel 2011 spendera’ quasi il doppio di quello che destina alle Infrastrutture, con un taglio per queste ultime del 30%. Se si pensa che sia piu’ necessario per lo sviluppo, avere delle nuove portaerei nucleari o altro piuttosto che vie efficenti e sicure, credo proprio che siamo sulla strada sbagliata.

Spero vivamente in un suo intervento chiarificatore di questi leciti dubbi

La ringrazio anticipatamente,

cordialmente la saluto,

Giuliano Parodi

Capogruppo Uniti per Suvereto

Responsabile Enti Locali-segreteria PRC federazione Elba-Val di Cornia

_____________________________

RIFONDAZIONE CECINA: ANCORA CONTRO L’AUTOSTRADA, SENZA SE, SENZA MA

Dopo anni di dichiarazioni, impegni scritti, accordi, e tante illusioni per convincere i  tanti cittadini ad ingoiare il rospo autostradale, i nodi e le vere intenzioni vengono al pettine!

Anni fa il Presidente della Regione Toscana Martini, e l’assessore Conti, fecero una cartina della costa tirrenica, in cui affermavano:

– Cecina – Piombino. Con la sicurezza dell’autostrada e la sicurezza di non pagarla.

– Spiagge di Livorno. Lungo l’Aurelia, NO TIR, solo mare.

– Maroccone – Chioma (lotto zero). Qui il TIR tira dritto, e le merci vanno spedite.

Scogliera del Romito. Senza più lo scoglio di camion e TIR.

Ed altre favole illusionistiche di propaganda come:

– Vieni, c’è una strada nel parco.

– Com’è bello andar, con la strada parco.

– Firenze – Portoferraio  in tre ore.

– Svincoli nei porti di Livorno e Piombino.

Adesso si sa che la gratuità sarà solo per pochi anni (e non per sempre!) e SOLAMENTE per un casello ( cioè solo fino a Rosignano e Donoratico!).

RIFONDAZIONE COMUNISTA continua ad essere contraria a regalare la Variante agli speculatori autostradali. La vecchia Aurelia deve essere messa in sicurezza con il Progetto ANAS del 2000/2002 e naturalmente deve rimanere gratis per sempre.

L’ autostrada non farebbe assolutamente aumentare il turismo, ma peggiorerebbe la salute dei residenti, e l’ambiente, perché sul litorale tirrenico si riverserebbero otto

milioni di TIR in più dalla dorsale appenninica.

Bisogna invece favorire il traffico marittimo, con le autostrade del mare e sviluppare sempre di più il trasporto su ferrovia.

Il lotto zero, non si farà più, perché così il traffico si riverserà sull’autostrada a pagamento. Tutta una moltitudine di bretelle, complanari, nuovi ponti, promesse agli amministratori ( tutti ingenui, oppure qualcuno connivente?), non si faranno.

La SAT molto probabilmente prometterebbe ancora di farle, solamente se gli fosse regalata la superstrada FI-PI-LI , per trasformarla in autostrada.

CHI  PECORA SI FA, IL LUPO SE LO MANGIA  !!

Numerose associazioni, come il WWF, l’ARCI  bassa V.d.C. Legambiente, Italia Nostra, Il Movimento Ecologista, Amici della Maremma, e decine di altre, furono decisamente contrarie all’autostrada, oltre RIFONDAZIONE COMUNISTA, i VERDI, e i COMUNISTI ITALIANI.

Rifondazione Comunista spera che tutti siano ancora contrari, specialmente dopo le dichiarazioni della SAT e si augura che a queste si aggiungano altri, che avevano creduto alle promesse, e che non ci siano voltagabbana dell’ultima ora.

Rifondazione Comunista di Cecina

Cecina  07 aprile 2011

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 11.4.2011. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 26 giorni, 22 ore, 54 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it