PIOMBINO: BILANCIO, MENO RISORSE E IL COMUNE PUNTA SUI SERVIZI

L’assessore alle finanze del Comune di Piombino ha presentato venerdì 25 marzo la proposta di bilancio preventivo 2011, già discusso con le associazioni di categoria, sindacati e commissioni consiliari, in vista della sua approvazione in consiglio comunale il prossimo 29 marzo. Un bilancio costruito con grandi difficoltà, a causa dei tagli del Governo fortemente penalizzanti soprattutto per gli enti locali ma anche per la scarsa chiarezza dell’impianto normativo esistente.

La proposta è stata studiata a tavolino nei minimi dettagli dai primi di dicembre, come ha spiegato l’assessore Massimo Giuliani nella conferenza stampa di ieri, con l’obiettivo di razionalizzare e ottimizzare il più possibile le entrate e le uscite a fronte di un taglio di 900mila euro circa nei trasferimenti statali per il 2011. Rispetto agli oltre 4 milioni di trasferimenti del 2010, quest’anno il Comune di Piombino riceverà poco più di 3 milioni di euro, e nel 2012, per effetto della progressività dei tagli, soltanto 2 milioni.

“La situazione è ancora più grave se consideriamo che nel 2001 i trasferimento dello Stato ammontavano a più di 5 milioni di euro che, attualizzati ai giorni nostri sarebbero più di 6 milioni. In termini reali si tratta quindi di un taglio netto del 50%”.

“Nonostante questo, ottimizzando  il più possibile, siamo riusciti a mantenere tutte le funzioni e i servizi fondamentali cercando di non penalizzare la collettività. Complessivamente si è arrivati a un bilancio dell’entità di 30.644.020 euro, di cui 27.342.765 di spese correnti e 3.181.524 di rimborso mutui. Lo spirito è quello di non rinunciare a nessun servizio ma di proseguire sugli interventi di manutenzione della città, contemplando anche la realizzazione di nuove opere. Si mantengono inoltre i servizi sociali e di prossimità al cittadino, quelli culturali, sportivi e turistici.”

SCHEMATIZIAMO COSA E’ STATO DETTO:

Oneri di urbanizzazione e spesa corrente

Per fare questo una prima iniziativa è stata quella di agire sull’applicazione degli oneri di urbanizzazione. Rispetto agli anni precedenti quando gli oneri di urbanizzazione venivano destinati per il 75% a coprire le entrate in parte corrente, da quest’anno saranno utilizzati per la maggior parte per la realizzazione di opere pubbliche e manutenzioni (su una previsione di 3.545.000 euro, 3.075.000 per opere pubbliche). Questo consentirà al Comune di acquisire maggiore stabilità anche per gli anni futuri, riducendo i mutui.

Entrate e recupero crediti

Per consentire d’altro canto il recupero delle risorse sulla parte corrente, il Comune ha avviato un percorso di lotta all’evasione e alle morosità per tutte le prestazioni e i servizi offerti, mantenendo ovviamente le salvaguardie sociali per le situazioni di disagio.

Risparmi anche nell’organizzazione interna sul piano dell’informatizzazione e dell’innovazione tecnologica, con il passaggio a sistemi open source, che consentiranno un risparmio notevole per l’acquisto dei software, e dell’implementazione della rete.

Tariffe pressochè immutate a parte un leggero adeguamento, ma sono per alcune, dell’indice Istat dell’1,5%.

Riviste anche le uscite, con dei tagli abbastanza ridotti su tutti capitoli di spesa, senza incidere però sulle funzioni e sui servizi fondamentali che verranno mantenuti.

Servizi

Sul tema delle politiche abitative viene ridotta l’Ici sulla seconda casa dal 5 al 2 per mille per tutti i proprietari che affittano gli appartamenti a canone concordato, cercando di incentivare l’applicazione di affitti più convenienti.

Sul sociale vengono confermati tutti i servizi nell’assistenza sociale nel supporto alle famiglie e alle categorie più deboli.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 26.3.2011. Registrato sotto Foto, sociale, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 25 giorni, 12 ore, 15 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it