MAMBRINI: ASSISTENZA RELIGIOSA E CONTRIBUTI ASL6

Mambrini (PSI) presenta una mozione in consiglio comunale a Piombino, sui costi dell’ASL 6 per l’assistenza religiosa cattolica. Questi, secondo una nostra indagine, si attestano su una spesa complessiva di appena 2.150.000 euro l’anno su tutto il territorio regionale, tra stipendi e oneri accessori, più “108 mila euro per la pensione integrativa di 10 suore delle oblate”, per un totale di  77 persone nel 2009 su tutto il territorio regionale della Toscana.

L’ASL 6 di Livorno ha speso 117.012,19 nel 2009 per stipendi e contributi di quattro-cinque persone (presumibilmente una per ogni ospedale, che danno conforto a tutti i malati, a prescindere dal fatto che siano credenti o di altre religioni). Se pensiamo poi che i costi regionali per la sanità sono annualmente superiori ai sei miliardi di euro, e che parte dei soldi ricevuti dalla CET sono investiti nelle opere caritatevoli di ciascuna diocesi, forse per riassestare i bilanci malandati delle ASL è bene andare a guardare e cercare anche da qualche altra parte. Leggiamo comunque integralmente l’intervento di Mambrini.

“Perché una ASL deve pagare, con i soldi di tutti i cittadini, credenti, non credenti e diversamente credenti, l’assistenza religiosa cattolica che è solo di una parte di questi?” Se lo chiede Federico Mambrini, consigliere comunale socialista e capogruppo del Gruppo Misto a Piombino. Esiste infatti la delibera regionale n° 890 del 3 dicembre 2007 che disciplina un’intesa con la Conferenza Episcopale Italiana per l’espletamento del servizio di assistenza religiosa cattolica nelle strutture di ricovero delle Aziende Sanitarie, i cui costi sono a carico delle ASL che sottoscrivono convenzione con la CEI.

Mambrini ha presentato una mozione in cui invita il Sindaco “…ad informarsi, attraverso il Direttore della ASL 6 , e successivamente a darne comunicazione in Consiglio Comunale sugli effetti prodotti fino ad oggi sulla ASL 6 dall’intesa tra la Regione Toscana e la CEI e sulla tipologia dei contratti, il numero, la retribuzione e la modalità delle assunzioni, i loro compiti ed il costo ricaduto sui bilanci della ASL 6.” Inoltre il consigliere del PSI chiede che il Consiglio Comunale si impegni, nel caso in cui si evidenziassero costi aggiuntivi per la collettività derivanti dall’espletamento di tale convenzione a comunicare ufficialmente alla Regione la netta contrarietà a tale provvedimento e soprattutto a richiedere  alla ASL 6  di rivedere tale intesa rinunciando al servizio.

Tutto questo perché, insiste Mambrini, “i costi per l’assistenza religiosa di alcuni sarebbero pagati da tutti in barba al principio di uguaglianza dei cittadini e senza contare che la possibile assunzione a ruolo, senza concorso ma su proposta della stessa CEI, di assistenti religiosi sarebbe un’ulteriore schiaffo nei confronti di chi lotta giorno per giorno per trovarsi un lavoro o per uscire da una precarietà sempre maggiore.”

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 13.10.2010. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

1 Commento per “MAMBRINI: ASSISTENZA RELIGIOSA E CONTRIBUTI ASL6”

  1. luigi

    intervento che si commenta da solo…

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    39 mesi, 0 giorni, 1 ora, 21 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it