IL COMITATO PER CAMPIGLIA SUL CONSORZIO AGRARIO

Uno dei Progetti proposti dal Comitato

 

Uno dei Progetti del Comitato

Uno dei Progetti del Comitato

Venturina (LI) – Al Comitato per Campiglia stanno arrivando le prime idee sulla salvaguardia e il riuso del Consorzio Agrario di Venturina che attualmente é in stato di abbandono. Tra le idee pervenute c’è anche la proposta di trasferire qui il Museo della civiltà del lavoro, ora depositato presso un capannone dell’area fieristica. Altre idee riguardano l’istituzioni di sedi per l’educazione in campo dell’attività agricola, di luoghi per la promozione e vendita di prodotti locali, ecc.

Lo stesso Comitato scrive una lettera aperta al nuovo sindaco Rossana Soffritti, all’Assessore regionale alla partecipazione Agostino Fragai, al presidente della Rete del Nuovo Municipio Alberto Magnaghi e al Garante della Comunicazione della Val di Cornia Laura Pasquinucci, per chiedere l’apertura di un percorso partecipato ai sensi della legge regionale sulla partecipazione (L.R. 69/2007) e in linea con i metodi della Rete del Nuovo Municipio, l’associazione di Comuni di cui anche Campiglia è socio.

Prima di distruggere anche questa testimonianza storica – scrive il Comitato per Campiglia – il Comune dia ai cittadini, alle associazioni e a tutti i soggetti interessati la possibilità di decidere che cosa fare di questo complesso architettonico. Le idee non mancano e la decisone non può essere calata dall’alto, magari per avallare un ulteriore progetto di speculazione edilizia.

Il Consorzio Agrario di Venturina è una bella struttura, costruita nella prima metà del novecento a servizio dell’agricoltura di tutta la Val di Cornia. Lo spazio è enorme: un edificio centrale fiancheggiato da due fabbricati con prospetti a veranda, tetto a capanna, e ai lati, a chiudere il complesso, due costruzioni con lesene e timpano sagomato, buon esempio di architettura primo novecento. E, ancora sul retro altri capannoni con soffitti a trave, depositi altissimi, il tutto articolato con moduli e proporzioni perfette.

Esso rappresenta oggi la più importante testimonianza architettonica della storia agricola della zona, dopo che negli anni passati anche i vecchi e storici mulini di Caldana sono stati trasformati in appartamenti nel silenzio generale. Ora anche il Consorzio agrario, situato sulla centralissima Via Indipendenza rischia di fare la stessa fine: essere demolito per costruire al suo posto case ed uffici. Noi pensiamo che non ci sia bisogno di altre case e di altro cemento, ma di una attenta riqualificazione del patrimonio edilizio esistente.

Per attivare il percorso di partecipazione il Comune – sempre secondo il Comitato – può avvalersi anche di finanziamenti regionali, presentando alla Regione Toscana un progetto ai sensi dell’art. 14 della L.R. 69. In tal caso il Comitato per Campiglia è disponibile a fare da partner per organizzare la partecipazione dei cittadini come previsto dalla legge stessa.

 

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 13.8.2009. Registrato sotto sociale, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

1 Commento per “IL COMITATO PER CAMPIGLIA SUL CONSORZIO AGRARIO”

  1. Peter 65

    non ho parole..ma se qualcuno venisse a casa vostra a dirvi cosa dovete fare dei ruderi del vostro vecchio garage che cosa gli rispondereste???

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 18 giorni, 13 ore, 0 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it