L’ASA E LA RACCOLTA DEI DATI CATASTALI SUL TERRITORIO

Il Gruppo ASA (ASA SpA, servizio idrico integrato, e ASA Trade SpA, vendita gas) prossimamente provvederà a recapitare ai restanti clienti i moduli per la campagna di censimento dei dati catastali. L’attività si svolge in 3 fasi: la prima, già partita e terminata, prevedeva la riconsegna del modulo entro il 30 maggio. La seconda e la terza saranno riprese prossimamente: questo per evitare sovrapposizioni con altre attività ordinarie (bollette di ruolo).

Si tratta di un adempimento previsto dalla Legge Finanziaria 2005 (Legge 30/12/2004 n.311), che impone a tutte le società che svolgono attività di somministrazione di energia elettrica, gas e servizi idrici, di richiedere ai clienti i dati catastali identificativi dell’immobile presso cui è attivato il contratto di fornitura (art.1, commi 332, 333 e 334).

La dichiarazione, debitamente compilata e sottoscritta, deve essere restituita entro il termine indicato nella lettera di accompagnamento, utilizzando esclusivamente i seguenti indirizzi:

• ASA SpA, casella postale n.350 – 57100, Livorno centro;
• daticatastali@asa.livorno.it
• ASATRADE SpA, casella postale n.349 – 57100 Livorno centro;
• daticatastali@asatrade.it

ASA SpA e ASA Trade SpA una volta ricevuta questa dichiarazione, provvederanno alla trasmissione dei dati in essa contenuti all’Anagrafe Tributaria, così come stabilito dalla stessa Legge Finanziaria 2005, dal provvedimento dei Direttori delle Agenzie delle Entrate e del Territorio del 16 Marzo 2005 e dal Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate del 2 Ottobre 2006. Considerata l’importanza dell’adempimento richiesto dalla Legge, si invitano i clienti a leggere con attenzione le istruzioni e a compilare la dichiarazione in tutte le sue parti, precisando che ASA SpA e ASA Trade SpA provvederanno all’invio dei dati dichiarati, rimanendo comunque estranee ad ogni responsabilità nel caso in cui la dichiarazione richiesta non venga prodotta dal cliente, ovvero venga resa in modo incompleto o con indicazione di dati non corretti. Si fa presente al riguardo che, qualora venga omessa la dichiarazione dei dati catastali da parte del cliente, ovvero qualora tali dati siano comunicati in maniera inesatta, l’amministrazione finanziaria potrà applicare al cliente la sanzione amministrativa da 103 euro a 2.065 euro (art.13 del D.P.R. 29/9/1973 n.605).


Nell’intento di fare ulteriore chiarezza, il Gruppo ASA fa presente che:

1) circa le caselle e–mail daticatastali@asa.livorno.it (ASA SpA) e daticatastali@asatrade.it (ASA Trade SpA): queste caselle devono essere utilizzate solo per trasmettere il modulo scansionato e non per chiedere informazioni. Chi avesse bisogno di informazioni, oltre a quelle già contenute nella lettera e nelle istruzioni che accompagnano il modulo, deve utilizzare i canali ordinari (da rete fissa, 800.01.03.03, numero verde gratuito; da rete mobile, 199.30.96.41, numero a.r.; e–mail: commerciale@asaspa.it). Inoltre chi, avendo inviato l’e–mail, avesse ricevuto un messaggio di errore dal server relativamente all’esito del recapito, causato dalla congestione delle caselle di posta elettronica per motivi di traffico, è pregato cortesemente di inviarla di nuovo ai soliti indirizzi: daticatastali@asa.livorno.it e daticatastali@asatrade.it;

2) in relazione alla posta ordinaria: l’indirizzo di riferimento è solo quello delle caselle postali ASA Trade SpA casella postale n.349 – 57100 Livorno centro e ASA SpA casella postale n.350 – 57100 Livorno centro. I moduli non devono essere inviati presso le sedi delle due società precitate;

3) per quanto concerne i moduli pervenuti ai clienti che non sono intestatari del contratto: il modulo non deve essere né riempito e né spedito, ma deve essere fatta immediatamente la voltura e in quella occasione saranno forniti i dati catastali da parte del cliente entrante.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 23.6.2009. Registrato sotto Economia. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 22 giorni, 1 ora, 19 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it