NO FANGHI: PER NON RISCHIARE VOTARE RIFONDAZIONE

Piombino – Ultimi giorni di campagna elettorale e arriva alla stampa anche l’appello di alcuni membri dei “No Fanghi”, il comitato che più di un anno fa si costituire per fermare l’arrivo dei Fanghi di Bagnoli. Anche se la vicenda ormai è conclusa, per alcuni dei membri del comitato, firmatari di questo appello, alcuni rischi ancora sono in essere, e per questo invitano a votare l’unico partito che, secondo loro, è stato davvero chiaro su tutta questa vicenda.

«Le ragioni di chi si oppone al trasporto di 2,5 milioni di metri cubi di rifiuti industriali da Bagnoli al porto di Piombino devono tornare in Consiglio comunale. La Giunta comunale uscente guidata dal Sindaco Anselmi da oltre due anni ha bloccato la città vendendo il progetto fanghi come “svolta epocale per il territorio” mentre invece si tratta di un’operazione dannosa per l’ambiente, costosa e fallimentare (peraltro bocciata a Napoli dove si sono accorti che non ci sono i tanti soldi necessari e che è più conveniente trattare la colmata in loco). Lungi dal favorire lo sviluppo della nostra città, al contrario essa ha prodotto solo perdita di tempo e non ha aiutato a risolvere annose questioni come, per esempio, la realizzazione della 398 e le bonifiche del sito industriale di Piombino.

Con il rifiuto da parte del Sindaco Anselmi e del PD del referendum consultivo e quindi dell’espressione della volontà dei cittadini è stato dato inoltre un colpo alla democrazia a Piombino: la questione dei fanghi di Bagnoli non era prevista in nessun programma e contro l’operazione si formò il Comitato No Fanghi rappresentativo di una molteplicità di espressioni della città e del territorio. Furono raccolte 5.000 firme in una settimana di agosto 2007. Nonostante ciò Sindaco e PD in Consiglio comunale bloccarono il referendum con argomenti pretestuosi e non degni di un partito che si definisce “democratico”.

Per questo, in quanto persone legate a Piombino e al territorio della Val di Cornia, che hanno dato un contributo alla mobilitazione di chi si è battuto contro questa sciagurata operazione, consapevoli che la battaglia per impedire il trasporto dei rifiuti da Bagnoli non è del tutto conclusa e che quasi tutti i partiti e i candidati a Sindaco non si sono espressi chiaramente contro il progetto fanghi riteniamo che debbono entrare in Consiglio comunale esponenti di quelle forze che si sono battute contro l’affare dei fanghi di Bagnoli e a favore del referendum.

Di fatto l’unica forza politica di sinistra che si esprime in questo senso è Rifondazione Comunista. Perciò il 6 e 7 giugno voteremo e invitiamo i cittadini a votare Torrino Checcoli Sindaco e la lista del Partito della Rifondazione Comunista che si è opposto all’operazione Bagnoli, ha sostenuto il referendum e nel programma per la prossima amministrazione ribadisce con coerenza queste posizioni».


Elio Biagini, Giovanni Bottausci, Graziano Camberini, Luciana Gherardini, Paolo Gianardi, Stefano Guarguaglini, Roberto Marini, Rossano Pazzagli, Vittore Rossi, Massimo Tognaccini

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 3.6.2009. Registrato sotto politica. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    41 mesi, 4 giorni, 7 ore, 55 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it