ELEZIONI 2009: LISTE ELETTORALI E MODALITÀ DI VOTO

PIOMBINO – Sabato 6 giugno dalle 15.00 alle 22.00 e domenica 7 giugno dalle 7.00 alle 22.00 si svolgeranno le operazioni di voto per le elezioni dei 72 membri del Parlamento europeo spettanti all’Italia, dei presidenti e dei consigli di 62 province e dei sindaci e dei consigli di 4.281 Comuni (di cui 30 capoluoghi di provincia). Per la prima volta il voto è anticipato al sabato pomeriggio, a seguito dell’accorpamento delle europee con le elezioni amministrative.

Lo scrutinio per il Parlamento europeo inizierà a partire dalle 22.00 di domenica 7 giugno, subito dopo la conclusione delle operazioni di voto e l’accertamento del numero dei votanti.
Quello per le consultazioni amministrative avrà inizio alle 14.00 di lunedì 8 giugno, dando la precedenza allo spoglio delle schede per le elezioni provinciali e poi comunali.
A Piombino (LI), i cittadini voteranno quindi per il rinnovo del consiglio comunale e del sindaco, del consiglio provinciale e del presidente della provincia, dei rappresentanti al Parlamento europeo per la III Circoscrizione, Italia centrale che comprende Toscana, Imbria, Marche e Lazio.

L’elettore si troverà davanti tre schede, una azzurra per il Comune, gialla per la Provincia, rossa per la Circoscrizione di pertinenza delle europee.


Elezioni comunali.

A Piombino sono nove le liste presentate, di cui quattro a sostegno del sindaco uscente, e con sei candidati a sindaco. Sulla scheda compariranno secondo questo ordine di presentazione le seguenti liste: lista Casini Unione di Centro, candidato Luigi Coppola; Polo di centro destra con Giampiero Amerini, Moderati per Piombino Roberto Batistoni, Sinistra e Libertà, Comunisti Italiani, Italia dei Valori, PD, le quattro liste collegate alla candidatura di Gianni Anselmi, Rifondazione Comunista con Torrino Checcoli, Il Popolo delle Libertà con Federico Pazzaglia.

L’elettore ha diritto a votare per un candidato sindaco, segnando il relativo contrassegno, ma può anche esprimere un voto di preferenza per un candidato alla carica di consigliere comunale compreso nella lista collegata al sindaco prescelto, scrivendone solo il cognome o, in caso di omonimia, anche il nome.
E’ possibile inoltre optare per il cosiddetto voto “disgiunto” tracciando un segno sul rettangolo relativo a un candidato sindaco e contemporaneamente per una lista non collegata a quel candidato, marcando il relativo contrassegno. Il voto così espresso viene attribuito sia al candidato alla carica di sindaco sia alla lista non collegata.
Nel caso in cui, invece, l’elettore scelga di votare soltanto per il candidato a sindaco, non scegliendo alcuna lista collegata, potrà tracciare un segno semplicemente sul rettangolo relativo al candidato prescelto.


Elezioni provinciali.


Più semplici le modalità per le elezioni provinciali, per le quali non è ammesso il voto “disgiunto”. Per il rinnovo del consiglio provinciale sono 13 le liste in competizione con 8 candidati alla presidenza: PD , Italia dei Valori, Sinistra e Libertà con Giorgio Kutufà, presidente uscente, Cristiani Liberali Panessa, Identità e Territorio con Giangiacomo Panessa, Partito Comunista dei Lavoratori con Marco Mazza, Comunisti italiani per la Sinistra e Rifondazione Comunista con Michele Mazzola, Unione Cristiani Democratici di Centro con Marco Landi, Popolo delle Libertà con Vaccaro Costanza, Moderazione Popolare con Romeo Chiercia, Sinistra Critica con Rosalba Volpi.


Elezioni europee.

I rappresentanti del Parlamento europeo possono essere scelti, invece, tracciando un segno sul contrassegno della lista prescelta, eprimendo, per la propria circoscrizione, non più di tre preferenze.
Nei cinque giorni antecedenti la consultazione elettorale, a partire dal 1 giugno, l’ufficio elettorale comunale resterà aperto dalle 9 alle 19 ininterrottamente e nei giorni della votazione per tutta la durata delle operazioni di voto, allo scopo di rilasciare le tessere elettorali non consegnate e i duplicati.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 21.5.2009. Registrato sotto politica. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 28 giorni, 23 ore, 1 minuto fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it