PIOMBINO: PRESENTAZIONE DEL LIBRO «LA PAGA DEI PADRONI»

«La paga dei Padroni» è uno dei libri che ha riscontrato più interesse da parte dei lettori italiani nell’attuale stagione. Prima ancora che scoppiasse la crisi economica internazionale ha anticipato – nello scenario nazionale – il tema degli emolumenti dei manager delle imprese, dei protagonisti della finanza e dell’impresa.

“La paga dei Padroni” , edizioni Chiare Lettere verrà presentato a Piombino (Livorno) lunedi 20 aprile 2009 alle ore 17 presso la Sala Convegni dell’Hotel Centrale (Piazza Verdi,2). Uno degli autori Giorgio Meletti, capo della redazione economica del Tg La7 si confronterà con il pubblico e con l’ex ministro Fabio Mussi.

Per Meletti è un ritorno nella cittadina toscana: agli inizi degli anni ’90 seguì per il Corriere della Sera i drammatici giorni della crisi delle acciaierie piombinesi. La presentazione del libro è promossa da SINISTRA e LIBERTA’


SCHEDA SUL LIBRO


Sapete a quanto ammontano gli stipendi di alti dirigenti, manager di primo piano, banchieri, imprenditori di punta del nostro Paese? Cifre da capogiro che è difficile anche immaginare prima di avere letto questo libro denuncia dei giornalisti Gianni Dragoni, inviato de “Il Sole 24 Ore”, e Giorgio Meletti, responsabile della redazione economica del Tg La7.

Un libro che «si propone di entrare in un mondo che solitamente predilige il segreto… che ama farsi scudo del latinorum della finanza, fatto di parole inglesi roboanti, di fronte alle quali è difficile non sentirsi inadeguati.»

Dopo La casta di Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo, ecco la denuncia della nascita di “una nuova oligarchia” che si affaccia prepotentemente sulla scena economica: “i manager delle società quotate in Borsa”. Il tema – dichiarano gli autori – «ormai tiene banco sui giornali di tutto il mondo. In Italia è stato considerato finora demagogico. Ma davvero strapagare i top manager consente di avere “aziende che crescono e che creano ricchezza?» In questo periodo di seria crisi economica la risposta appare persino scontata. I risultati del lavoro di tanti talentuosi “cervelli” della scienza economica non si vedono affatto e ogni giorno diventano sempre più allarmanti le notizie su tracolli finanziari e crescita zero.

Di contro, le retribuzioni dei grandi manager «crescono senza alcun rapporto con il costo della vita e con i progressi delle aziende.» Alcuni casi per tutti: Nove milioni e 426mila euro. «È quanto la banca Unicredit ha dato come compenso per il 2007 all’amministratore delegato Alessandro Profumo. Profumo ha guadagnato oltre 25mila euro al giorno. Quanto un lavoratore medio in un anno. Nel 2005 il bilancio delle Ferrovie dello Stato ha dichiarato una perdita di 472 milioni di euro… la paga dell’amministratore delegato Elio Catania è stata di un milione e 930mila euro, di cui 350mila per il raggiungimento degli obiettivi assegnati.»

Senza remore e soggezioni, i due autori analizzano la situazione del capitalismo italiano partendo dalle retribuzioni dei manager e dei grandi imprenditori. Il loro saggio è basato su dati ufficiali e pubblici, «analizzati secondo una logica puramente economica, relegando tra i sottintesi la convinzione che alla base di ogni fatto economico e sociale ci sia anche, sempre, una questione etica.» Ce n’è per tutti: da Tronchetti Provera e il caso Pirelli-Telecom, alle “Cose di casa Agnelli” con Gianlugi Gabetti, Montezemolo e Marchionne, e poi Mediobanca, da Cuccia a Geronzi; i grandi banchieri, Corrado Passera, Giovanni Bazoli, Matteo Arpe, che racconta di aver lasciato l’americana Lehman Brothers per Capitalia, andando a dimezzare il suo stipendio. Non mancano le famiglie della grande imprenditoria italiana (“quel che resta del salotto buono”): i Pesenti, della calcestruzzi, i De Benedetti dell’Olivetti. E “i nuovi arrivati”: Berlusconi, Benetton, Caltagirone a cui si affiancano i “dipendenti d’oro” e cioè i dirigenti di grandi aziende pubbliche come Autostrade, Eni, Enel, Alitalia.

Infine, per i più curiosi, la classifica dei 100 manager più pagati, con tanto di cifre. Nomi, cifre, dati snocciolati in gran quantità e con dovizia di particolari, per riflettere sul sistema di potere e privilegi che domina il capitalismo e l’imprenditoria italiana.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 15.4.2009. Registrato sotto cultura. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 22 giorni, 18 ore, 54 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it