SAN VINCENZO: RICORDO DI GIORGIO CALANDRA IN BIBLIOTECA

Il Fondo Calandra verrà presentato martedì 7 aprile alle ore 17 presso la Biblioteca Comunale di San Vincenzo, alla presenza del Presidente della Provincia di Livorno Giorgio Kutufà, del Sindaco di San Vincenzo Michele Biagi, di Gianfranco Benedettini, autore del volume “Ricordo di Giorgio Calandra” e di Simone Ticciati e Simona Vanni della Cooperativa Sociale Il Cosmo che ha curato il riordino e la catalogazione del Fondo.

Viene finalmente messo a disposizione degli utenti della Biblioteca Comunale di San Vincenzo il Fondo Calandra, donato dai familiari del politico e intellettuale scomparso nel 2007. Si tratta di un Fondo formato da alcune migliaia di volumi e da un consistente nucleo di materiale manoscritto, la cui catalogazione è in fase di ultimazione, e che costituisce un importante arricchimento per la Biblioteca Comunale e per la comunità locale.

Gli interessi prevalenti di Giorgio Calandra trovano infatti una puntuale verifica nelle sezioni di cui è composto il Fondo. Oltre a una sezione di opere letterarie non molto vasta ma con alcuni classici, troviamo infatti una consistente sezione di poesia nella quale, accanto a molti classici e autori italiani (tra cui Piero Bigongiari, conosciuto personalmente da Calandra), trovano posto soprattutto opere poetiche di autori locali e toscani, a testimonianza di una lunga passione della quale rimane traccia non solo nel volume di poesie di Calandra “Con ali di gabbiano” ma anche nelle poesie manoscritte e dattiloscritte conservate nel Fondo.

Un altro nucleo è costituito da una consistente sezione di storia, soprattutto contemporanea, e di monografie relative a personaggi politici e religiosi. Oltre che di quest’ultima gli interessi politici di Calandra sono all’origine della consistente sezione di libri sulla politica, in particolare sulla Democrazia cristiana (ma non mancano volumi su Pci e Psi), cui si aggiungono alcuni volumi sui beni ambientali e l’ecologia, che costituivano – specie negli ultimi anni della sua vita – un forte interesse. Legato a questi ovviamente troviamo un importante nucleo di volumi di storia locale e, dato l’interesse molto forte rivolto ai temi religiosi, alle figure di santi e papi e un po’ a tutto il dibattito postconciliare una notevole quantità di libri di argomento religioso.

Ma certo la parte prioritaria in tutto il fondo è costituita da una impressionante quantità di libri d’arte, in particolare cataloghi di mostre e monografie di pittori contemporanei in particolare toscani o operanti in Toscana che costituivano la passione predominante di Calandra, che è sfociata in due pubblicazioni e in molte presentazioni e organizzazioni di mostre.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 3.4.2009. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 21 giorni, 15 ore, 17 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it