CRISI LUCCHINI: A LUGLIO E AGOSTO STOP ALLE COLATE

Inizia ad essere davvero preoccupante per l’economia della città questa crisi che dall’economia si è trasferita al lavoro reale. L’Altoforno 4 infatto, dopo lo stop di un mese a natale sospenderà nuovamente la produzione rimanendo a riscaldo per due mesi ed esattamente luglio ed agosto.

L’annuncio di questo nuovo stop è giunto ieri dall’azienda nel corso di un incontro con i rappresentanti dei lavoratori. Come è già successo alcune settimane fa, l’altoforno non sarà spento ma alimentato solo a coke senza caricare minerale di ferro e quindi senza produrre ghisa.

Conseguentemente per quel periodo di fermeranno anche i convertitori dell’acciaieria e di conseguenza le colate continue. Si tratta, infatti, di impianti in sequenza in cui la ghisa liquida ad altissima temperatura passa dall’altoforno all’acciaieria e da qui l’acciaio prodotto passa dai convertitori alle colate continue.

Possibile invece la marcia dei laminatoi per i quali si utilizzeranno i forni di riscaldo che sono in grado di portare la carica fredda a temperatura di laminazione. La produzione di semilavorati di acciaio prodotti dalle colate continue verrà, come si suol dire, “messa a terra” per poi alimentare in parte i laminatoi. Durante i mesi estivi si provvederà anche a fare manutenzioni. La cokeria avrà un rallentamento dei tempi di distillazione ed il coke verrà messo a scorta.

Inoltre l’azienda ha annunciato ai sindacati di aver stimato in acciaieria un esubero di 145 lavoratori su un organico di 450. Per questi aspetti i sindacati si riuniranno per le loro valutazioni. Certo è incredibile che tutto questo avvenga, quando non più tardi di tre mesi fa l’azienda stava assumendo e progettava grandi opere come il Mini Mill dentro città futura.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 17.3.2009. Registrato sotto cronaca. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    16 mesi, 19 giorni, 13 ore, 51 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it