BETTI: «IRRICEVIBILE L’AZZERAMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE»

Firenze «Il previsto azzeramento dei fondi statali destinati nel 2009 al finanziamento del servizio regionale di protezione civile è una decisione irricevibile che faremo di tutto perché sia cambiata. Per la Toscana significherebbe non soltanto un taglio di 7 milioni di euro, ma la messa in crisi di un intero sistema, che funziona e che rappresenta per i cittadini un sicuro punto di riferimento, visto che da un recentissimo sondaggio nazionale condotto da Ekma, emerge come quello più apprezzato tra i tanti erogati dalle Regioni».

E’ netto il giudizio dell’assessore regionale alla protezione civile, Marco Betti, nel commentare il provvedimento annunciato a Roma nel corso della riunione della commissione politico-istituzionale della Protezione Civile, alla quale hanno partecipato i rappresentanti delle Regioni ed il capo del dipartimento, Guido Bertolaso.

«E’ paradossale – aggiunge l’assessore Betti – che da un lato la protezione civile risulti apprezzata da 2 intervistati su 3 (il 65,2% contro una media del 49% per gli altri servizi) e che per tutta risposta il Governo decida di azzerarne gli stanziamenti. E’ follia pura pensare di poter tagliare i fondi destinati agli interventi in occasione ed in seguito ad ogni tipo di evento catastrofico, come frane, alluvioni, terremoti, ma anche al funzionamento del sistema che garantisce la formazione dei volontari e dei cittadini, studenti compresi, il sostegno alle associazioni di volontariato che garantiscono interventi in caso di calamità, anche i finanziamenti destinati al ripristino dei territori e delle strade in caso di frane e smottamenti. Cosa diremo a cittadini e imprese che sono i destinatari principali degli aiuti post calamità? Di farsi un’assicurazione privata?».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 8.11.2008. Registrato sotto ambiente/territorio. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    17 mesi, 13 giorni, 14 ore, 49 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it