PIOMBINO: GRANDE PUBBLICO ALL’INCONTRO CON TRAVAGLIO

Una “marea” di pubblico all’incontro con Marco Travaglio, dove oltre 300 persone nonostante l’umidità che ha creato qualche difficolta anche al noto ospite, per l’incontro voluto dall’Italia dei Valori che tiene la sua festa provinciale presso i Giardini Pro Patria fino a Domenica 21 settembre 2008. Il noto giornalista e scrittore che ha commentato, ad un pubblico attentissimo, le nuove manovre del governo, parlando principalmente di intercettazioni, nuova legge sul sesso a pagamento e sulla triste vicenda Alitalia. Riportiamo alcuni passaggi su questi ultimi due punti.

«La ministra Carfagna, di cui non si è mai capito a cosa serva anche se qualcuno qualche idea se l’è fatta soprattutto vedendo certi calendari, l’altro giorno ci ha fatto sapere che le fanno orrore le donne che usano il loro corpo per scopi commerciali. Sta parlando una signora che compare da anni negli abitacoli di tutti i TIR dei camionisti d’Italia. Evidentemente ha un concetto un po’ curioso della mercificazione, un po’ selettivo.
Ce l’aveva, naturalmente, con le prostitute ma solo con quelle che si prostituiscono per la strada; le altre no, le altre vanno bene perchè l’importante è nascondere.

Questo è il governo che nasconde, per cui se una cosa non si vede non c’è. Se lo fai in casa va bene, se lo fai per strada non va bene. Ha stabilito questa distinzione, superata la legge Merlin: chi si prostituisce in casa ok, chi si prostituisce per strada, galera. O questo è quello che vogliono farci crede…

E chi glielo dice al ministro Alfano che soltanto la settimana scorsa era terrorizzato per i dati delle carceri e prometteva gingilli tipo braccialetti elettronici, espulsioni dei condannati e altre amenità che, abbiamo già spiegato, non funzionano? Una settimana si lancia l’allarme per il sovraffollamento delle carceri, la settimana dopo si annuncia: “Carcere per i clienti e per le prostitute”.

Non sono pochi, perchè le prostitute per strada in Italia si calcola che siano circa 70-100.000, ciascuna avrà una buona clientela. Vogliamo dire che ciascuna ha in media dieci clienti? Bene, vuol dire che potremmo, se fossimo efficienti e li arrestassimo tutti, arrivare ad arrestare un milione di persone. Ma se fossimo inefficienti e arrivassimo ad arrestare, per dire, il 10%, potremmo arrestare centomila persone?
Lo sanno, questi signori, che noi abbiamo posti nelle celle per 45.000 persone e sono tutti strapiene, tant’è che nelle carceri ce ne sono 20.000 di più? E dove pensano di metterli questi?»

Ma se io porto davanti al giudice un uomo e una donna che in una certa zona, vestita in un certo modo la donna, con un certo atteggiamento l’uomo, stavano parlottando fra di loro con l’auto a motore acceso, il giudice chiederà alla signora: “lei stava contrattando sesso con il signore?” “Assolutamente no! Passavo di li per caso e ci facevamo due chiacchiere”.
“Ma era vestita col reggicalze…” “Ma io mi vesto così, mica è vietato dalla legge”. Assolta.
Quanto al signore: “Ma lei stava contrattando sesso con la signora?” “Io??? Ma io stavo chiedendo un’informazione stradale, l’ho incontrata sul marciapiede, ho fermato la macchina, non sapevo dove andare…”

A questo punto il giudice potrà ridergli in faccia, gli dirà “lo vada a raccontare a sua sorella” e l’altro, col suo avvocato, gli farà notare: “guardi, l’onere della prova è suo, non mio. E’ lei che deve dimostrare che stavo parlando di sesso a pagamento, non io che devo dimostrare che non ne stavo parlando”. Quindi verrà assolto anche lui».


Per quanto riguarda il fallimento momentaneo dell’acquisizione da parte di CAI della “nuova Alitalia” Travaglio ha commentato che questo era un giorno di festa, e che tutte le TV, ormai controllate da Berlusconi, giustamente lo hanno presentato come un giorno di lutto.

«L’Alitalia infatti è stata divisa in due società – ha commentato il Giornalista. La Bad Company, la discarica, rimane a noi, allo Stato, con tutti i debiti. E’ una società che contiene debiti. La Good Company, invece, è quella meravigliosa, profumata, balsamica. Quella va ai privati, sedici privati, scelti privatamente con trattativa privata da Berlusconi e dai suoi uomini, che hanno ottime armi per chiedere piccoli favori agli imprenditori in vista di restituirli in grande stile, come vedremo, con vari conflitti di interessi. Quindi noi ci teniamo i debiti e quel poco che vale di Alitalia lo regaliamo ai privati che fanno anche la figura dei salvatori della Patria, dei Cavalieri Bianchi.

Se anche la cordata italiana non acquisirà la good company, le nostre rotte sono talmente appetibili, tant’è che Airfrance l’avrebbe presa l’Alitalia quella vecchia anche con debiti ed esuberi, che si troverà sicuramente un compratore, infatti si parla di Lufthansa, peccato che abbia un problema, è un “tantino” tedesca…

Comunque se anche l’affare andasse, da dove prenderanno i soldi i nostri salvatori italiani di Alitalia? Mica li tirano fuori dalle loro tasche: in gran parte arriveranno dalle banche che sono molto coinvolte, come vedremo, in questa cordata. Taglieranno tutto il tagliabile, ridurranno le rotte internazionali, squalificheranno ulteriormente Fiumicino, Malpensa resterà al palo. In compenso abbiamo una caterva, un groviglio, una giungla di conflitti di interessi perché non c’è solo quello di Berlusconi. Il conflitto di interessi, non risolto da nessuno quando ce l’aveva soltanto lui, adesso è diventato un’epidemia e ce l’hanno in tanti.

Primo conflitto di interessi: abbiamo Carlo Toto, proprietario dell’AirOne, che con 450 milioni di debiti riesce a piazzare il colpo della vita. L’AirOne viene incorporata all’Alitalia, intanto il nipote Daniele è stato candidato ed eletto nel Popolo della Libertà. E’ li a vigilare, evidentemente. Abbiamo tre soggetti che sono impegnati in opere pubbliche e sono addirittura pubblici concessionari dello Stato. Lo Stato, in questo conflitto di interessi, li ha convocati facendogli sapere che era bene per loro se aderivano all’appello del Presidente del Consiglio. Sono Salvatore Ligresti, noto immobiliarista, assicuratore, palazzinaro, pregiudicato per Tangentopoli. Marcellino Gavio, un altro che ai tempi di Di Pietro entrava e usciva dalla galera. L’ottimo Marco Tronchetti Provera che dopo aver ridotto come ha ridotto la Telecom è anche lui nel settore immobiliare. In più abbiamo la famiglia Benetton, l’apoteosi del conflitto di interessi perchè è pubblico concessionario per le Autostrade, è gestore, dopo averlo costruito, dell’aeroporto di Fiumicino, e in futuro sarà uno dei proprietari di Alitalia. Come gestore di Fiumicino deciderà lui quali tariffe far pagare all’Alitalia per usare Fiumicino. Tutto in famiglia».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 20.9.2008. Registrato sotto cronaca. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    17 mesi, 16 giorni, 19 ore, 25 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it