NUOVO MICRONIDO A SAN VINCENZO

Tra gli argomenti in discussione nel Consiglio comunale sanvincenzino del 29 luglio, significativa è stata la delibera che istituisce un nuovo servizio per la prima infanzia, chiamato micronido.

“Dopo la presentazione di 70 domande di iscrizione all’asilo nido comunale per 25 posti disponibili, si era creata una significativa lista di attesa” spiega l’assessore alle politiche sociali Fabio Camerini che ha presentato la delibera al Consiglio. “Per questo abbiamo deciso di intervenire subito, con la creazione di un nuovo servizio che andasse incontro almeno in parte alle esigenze delle famiglie. Nasce così il nuovo micronido, un asilo in grado di ospitare 18 bambini fino a 3 anni di età, che dal 6 ottobre sarà attivo ogni mattina dalle 8 alle 13 con il pranzo”.

L’attivazione del nuovo servizio, inserito tra le tipologie previste dalla Legge regionale 32 del 2002, ha richiesto per essere attivato la modifica del Regolamento comunale dei servizi educativi all’infanzia, oggetto appunto della delibera consiliare, e un investimento di 112mila euro da parte del Comune, coperti con una variazione di bilancio anch’essa oggetto di discussione del Consiglio comunale di stamani. Il nuovo servizio sarà gestito da una cooperativa sociale di tipo A, per individuare la quale sarà fatta una gara nelle prossime settimane. Come sede del nuovo asilo è stata scelta un’aula della scuola materna con annesso giardino necessario per le uscite all’aperto dei bambini.

Il micronido starà aperto per tutta la durata dell’anno scolastico, per intendersi come l’asilo nido tradizionale, ma invece di iniziare a settembre inizierà per quest’anno il 6 ottobre. “Abbiamo fatto le cose con estrema rapidità e di questo ringrazio sia il dirigente dell’area servizi alla persona che la responsabile dell’ufficio sicurezza sociale del comune, ma servono comunque dei tempi tecnici per organizzare il servizio al meglio” sottolinea l’assessore Camerini che evidenzia anche come l’istituzione di questo nuovo servizio per l’infanzia sia “un’ulteriore testimonianza della volontà di questa Amministrazione di rispondere ai bisogni sociali delle famiglie”.

Hanno votato a favore della delibera i gruppi: Insieme per San Vincenzo, Gruppo Indipendente, Forum di Centrosinistra, Gruppo Laico-Riformista. Astenuto il gruppo Cambiare San Vincenzo.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 29.7.2008. Registrato sotto Giovani e Sapere. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 29 giorni, 0 ore, 19 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it