CST.NET, PREOCCUPAZIONE PER LA CASSA INTEGRAZIONE

Il sindaco di Campiglia Marittima on. Silvia Velo e l’Amministrazione comunale, appreso dalle organizzazioni sindacali e dai lavoratori della comunicazione ufficiale dell’inizio della cassa integrazione ordinaria per i 120 dipendenti della Cst Net di Venturina, tornano ad esprimere forte preoccupazione per la situazione in cui si trovano i lavoratori e per il futuro dell’azienda.

Pur comprendendo la difficoltà strutturale del settore della produzione dei circuiti stampati, derivante dalla concorrenza dei paesi asiatici, il sindaco e l’Amministrazione comunale rinnovano la sollecitazione alla proprietà affinché venga messo in atto un piano di rilancio dell’azienda.
A queste condizioni le istituzioni non faranno mancare il loro appoggio mettendo a disposizione tutti i possibili interventi per la salvaguardia di questo sito produttivo.

Nel frattempo, è previsto per martedì 15 un incontro tra il sindaco di Campiglia e i rappresentanti del gruppo Lonati nel quale verranno chieste precise garanzie a tutela dei lavoratori che saranno posti in cassa integrazione, ma anche e soprattutto per il futuro dell’azienda.

Anche il Partito Democratico ha incontrato i lavoratori delegati sindacali della CST insieme ai segretari delle categorie FIOM-FIM-UILM. All’ incontro erano presenti Matteo Tortolini segretario del PD Val di Cornia Elba, Lido Francini e Elena Fossi capigruppo del PD del Comune di Piombino e del Comune di Campiglia. L’ incontro richiesto dal PD è avvenuto a seguito della notizia delle difficoltà in cui versa la Cst Net di Venturina, un’ azienda che lavora nel campo dell’ innovazione e dell’ informatica insediata in Val di Cornia nell’ ambito dei progetti di reindustrializzazione dei patti territoriali.

“Le difficoltà della Cst sono un colpo per tutto il territorio – commenta Matteo Tortolini. Un’ azienda insediata in Val di Cornia che opera in un settore esposto ad una forte concorrenza e ad alto livello di investimenti che comunque rappresenta una punta avanzata quantitativa e qualitativa della produzione territoriale, con manodopera caratterizzata da una forte presenza di donne e di giovani della nostra zona. Ora è il momento di stare vicini ai lavoratori. La politica fin’ora è stata troppo disattenta e silenziosa su questa vicenda, affaccendata a parlare più di se stessa che dei problemi veri delle persone – accusa Matteo Tortolini Segretario del PD. Presenteremo ordini del giorno in tutti i Consigli Comunali del territorio e in Consiglio Provinciale, infine stiamo organizzando un incontro con il PD a livello toscano. Chiederemo due cose un piano industriale da parte della proprietà che ipotizi uno scenario di rilancio su cui misurarci e una grande attenzione alla gestione di questa delicata vicenda che avvenga in stretto contatto con le organizzazioni sindacali e le istituzioni”.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 14.7.2008. Registrato sotto Economia. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    17 mesi, 13 giorni, 10 ore, 22 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it