PS: ADDIO POLO INFORMATICO DELLA VAL DI CORNIA

Pubblichiamo integralmente un commento di Riccardo Marzucchi e Luca Lavoratori del Partito Socialista di Piombino riguardo il triste epilogo della vicenda Etruscan-net/Vertical-tech e della fine dell’unico polo informatico pubblico/privato della Val di Cornia.

«Abbiamo appreso dalla stampa – commentano Riccardo Marzucchi e Luca Lavoratori del Partito Socialista Piombinese – con grande stupore che alcuni ex lavoratori di Etruscantech, impresa informatica di Piombino, hanno iniziato una causa verso la loro ex azienda, mentre ad altri non sono stati rinnovati i contratti».

«A fine 2005, con l’uscita di scena Intecs, gruppo che deteneva Etruscantech allora denominata Etruscan Net, i Comuni della Val di Cornia entrarono come soci di minoranza tramite Cevalco nella nuova società insieme a Verticaltech, azienda di Castelfiorentino e nuovo socio di maggioranza che avrebbe dovuto portare professionalità e nuovi contratti ed a cui gli stessi Comuni avevano dato ampio credito.

I lavoratori sarebbero potuti anche rimanere in Intecs con un contratto a tempo indeterminato lavorando in altre città, ma accettarono di essere messi in mobilità e di essere riassunti con contratto a tempo determinato che si sarebbe trasformato automaticamente a tempo indeterminato alla scadenza. C’era infatti un progetto industriale garantito da molti soggetti, anche istituzionali, che avrebbe dovuto portare alla creazione di un vero e proprio polo informatico con Etruscantech. Quel contratto però non è mai stato trasformato a tempo indeterminato, quel progetto industriale evidentemente non è mai decollato ed è addirittura evaporato tutto quello che Etruscan Net aveva costruito. Si sono infatti persi anche i clienti già acquisiti, mentre si sono trasferite funzioni e lavori direttamente a Catelfiorentino ed Aulla.


Ad oggi Etruscantech è in liquidazioni e la Cavalco dovrebbe aver venduto le sue azioni a Verticaltech.

Si è forse trattato – continuano Riccardo Marzucchi e Luca Lavoratori – di un vero e proprio caso di cannibalismo aziendale, con l’azienda capogruppo proveniente da fuori che ha mangiato la controllata locale per prenderne il posto? Perché di tutto questo non si è mai parlato? E davvero non comprendiamo come Verticaltech abbia potuto continuare a ricevere lavori anche dai Comuni, presi in giro dalla sua entrata in scena sino alla conclusione attuale della vicenda.

Chiediamo rassicurazioni – concludono i due rappresentanti del Partito Socialista Piombinese – in una logica di trasparenza, anche se ormai l’unico risultato certo è la fine del polo informatico per la Val di Cornia, con qualcun altro che prenderà quello spazio di mercato. E con i lavoratori che, per vedere riconosciuti i loro diritti, sono stati costretti a seguire le vie legali. Davvero un pessimo risultato ed un impoverimento della nostra zona in un settore avanzato».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 8.1.2008. Registrato sotto Economia. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    17 mesi, 16 giorni, 20 ore, 1 minuto fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it