L’ULIVO APRE AI «NO FANGHI» SULL’ACCORDO PIOMBINO-BAGNOLI

Sulla base dell’ampio dibattito democratico che ha investito tutto il territorio, e che ha collocato come priorità la salute e l’ambiente, l’Ulivo fa delle proposte, che sicuramente saranno seriamente valutate nella nuova bozza di accordo in arrivo tra alcuni giorni, per raggiungere equilibri più avanzati dell’accordo stesso nell’interesse di tutti i cittadini.


Le modifiche proposte alle istituzioni coinvolte, finalizzate ad accrescere la condivisione del progetto sono:

1. orientare l’accordo verso una maggiore caratterizzazione portuale dell’operazione, riducendo o eliminando gli stoccaggi e, se possibile, il trattamento dei materiali provenienti da Bagnoli e verificando la possibilità tecnica di conferimento integrale e diretto nelle vasche di colmata del materiale stesso, così come previsto dalla normativa;
2. confermare il finanziamento per la realizzazione del macchinario di lavaggio e trattamento terre per le bonifiche del nostro territorio;
3. mantenere il finanziamento della 398 fino al porto come infrastruttura strategica per il territorio;
4. verificare i tempi di attuazione della terza vasca di colmata;
5. attivare un percorso per la bonifica dei cumuli stoccati in Colmata dalla Lucchini, se possibile entro la 1° fase dell’accordo, utilizzando gli spazi – disponibili anche con l’operazione Bagnoli – delle vasche del nostro porto. Tutto questo dentro un’idea complessiva di risanamento ambientale del comprensorio.

Su questi punti l’Ulivo vuole discutere efficacemente per definirne una semplificazione netta, e su queste basi chiede un incontro con il Comitato per il NO per condividere i miglioramenti possibili della proposta in questione. «È il tempo di un salto di qualità da parte di tutti – conclude il comunicato – perché solo discutendo democraticamente e uscendo dall’arroccamento che si fanno gli interessi generali della città».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 17.9.2007. Registrato sotto ambiente/territorio. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    53 mesi, 7 giorni, 19 ore, 28 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it