PIOMBINO: APPROVATE LE MODIFICHE AL PIANO DELLA COSTA EST

Salvaguardia del parco e sviluppo economico. Sono questi gli obiettivi fondamentali che stanno alla base della variante al piano particolareggiato della Costa Est, approvata nel consiglio comunale di lunedì 20 novembre con i voti favorevoli dei partiti di maggioranza (DS, Nuova Piombino, Margherita, Gruppo misto). Contrari Lista civica, An, Rifondazione comunista, Verdi.

La Variante prevede due ordini di interventi: la ridistribuzione dei parcheggi della Costa Est con una revisione parziale del sistema degli accessi, e l’ampliamento del parco della Sterpaia sul lato ovest del bosco per altri 18 ettari complessivi.
“A sette anni dall’approvazione del Piano, avvenuta nel 1999 – ha spiegato l’assessore all’urbanistica Luciano Francardi – abbiamo proposto di rileggere ed aggiornare alcune previsioni del piano, esaminandone le criticità e rispondendo alle nuove esigenze emerse.”
Premi su: Leggi Tutto…

Con questi obiettivi l’amministrazione comunale aveva commissionato alcuni mesi fa alla società Parchi Val di Cornia l’elaborazione di uno studio preliminare per definire più compiutamnente le attività (servizi e attività ricreative) da svolgere all’interno del bosco, in un’ottica di recupero ambientale e vegetazionale dell’area della Sterpaia e della fascia dunale. La variante è quindi frutto anche di questo studio.
Le modifiche che potranno essere apportate riguardano dunque esclusivamente la perimetrazione del parco, in ampliamento, e non intervengono sulle dotazioni volumetriche ammesse dal PRG vigente.

Sistema dei parcheggi e viabilità di accesso al parco
Le modifiche riguardano l’eliminazione del parcheggio previsto ad ovest del nucleo edificato di Carlappiano all’ingresso del bosco della Sperpaia, la riduzione dei parcheggi di Perelli 1 e Perelli2, previsti a monte del canale Cervia, l’ampliamento del parcheggio di Carlappiano previsto a monte del canale Cervia includendovi anche le aree poste ad ovest della strada di accesso; la previsione di un nuovo tracciato stradale di collegamento tra il parcheggio di Perelli3 e quello di Carlappiano, tra il parcheggio in loc. “Pino” e la strada di Carbonifera, l’estensione dei parcheggi di Torre Mozza.

La redistribuzione è essenzialmente finalizzata ad incrementare le dotazioni dei parcheggi esistenti in corrispondenza degli Ambiti di Servizio esistenti. Oltre alla rimodulazione dei parcheggi a servizio della fascia costiera si interviene inoltre anche sulle aree a parcheggio previste all’ingresso del bosco della Sterpaia, a Carlappiano, a servizio del centro di accoglienza del parco. In questo caso si elimina il parcheggio previsto ad ovest del nucleo edifico esistente, concentrando tutte le aree al margine sud dello stesso nucleo, tra la strada longitudinale di accesso al mare e il bosco.

Attrezzature di servizio alla balneazione
E’ previsto un incremento volumetrico di 325 mc per le attrezzature di servizio alla balneazione e alle attività veliche a Carlappiano, Mortelliccio. Parallelamente si interviene anche con la parziale rilocalizzazione delle spiagge attrezzate alla balneazione, eliminando alcune parti di spiaggia attrezzate che risultano inutilizzate e ridistribuendo le quantità residue negli altri siti. Anche in questo caso non si interviene sul dimensionamento complessivo delle spiagge attrezzate, che rimane invariato (per complessivi 2.420 ml. Pari al 20% dell’intero sviluppo della spiaggia che per la parte restante rimane a libera fruizione) fatta eccezione per la nuova previsione di un tratto di spiaggia attrezzata, pari a 50 ml sulla costa al centro dell’area della Sterpaia.

Punti di ormeggio
Sono previsti inoltre gli stralci del punto di ormeggio sul fosso Cosimo, per salvaguardare l’area dal punto di vista ambientale e idraulico, la previsione di un ulteriore ampliamento del punto d’ormeggio sul fosso Acquaviva, a prevedere ulteriori attrezzature di servizio necessarie per la gestione dei punti d’ormeggio esistenti sul fosso Acquaviva e sul fosso Valnera

Attrezzature di servizio al parco e attività ludico-ricreative –sportive nel bosco della Sterpaia
Questo è il tema della variante che comporta le modifiche più significative, intervenendo anche sui perimetri del parco. Nei 18 ettari di ampliamento del parco a ovest del bosco della Sterpaia saranno localizzati il centro ippico e i relativi servizi, che il piano prevedeva nel centro di accoglienza in loc. Carlappiano all’interno della Sterpaia. Al margine ovest della Sterpaia, inoltre, sarà individuato un ambito per un centro di accoglienza del parco ed i relativi servizi, per 3.000 mc complessivi. L’obiettivo è quella di “liberare” l’area più pregiata del bosco, utilizzando per i servizi altre aree esterne che vengono ad essere inserite nel perimetro del parco.

Dopo questo primo passaggio in consiglio, come di consueto, l’iter prevede la pubblicazione sul Bollettino della Regione Toscana e poi il periodo delle osservazioni alla variante (45 giorni), che dovranno essere valutate dall’amministrazione comunale prima dell’approvazione definitiva.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 21.11.2006. Registrato sotto ambiente/territorio. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    17 mesi, 10 giorni, 15 ore, 13 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it