NOTIZIE DALLA VAL DI CORNIA DEL 23 OTTOBRE 2006

Vediamo insieme le notizie di oggi della val di cornia

Premi su:Leggi tutto…

NUOVA EDIZIONE PER LA BERTUCCIA MALANDRINA DI ALDO ZELLI

La raccolta di fiabe di Aldo Zelli LA BERTUCCIA MALANDRINA è stata ristampata con copertina plastificata a colori e nuovi disegni dalla pittrice piombinese Elena Migliorini.

Il volume contiene anche il racconto CALCI DI RIGORE, illustrato dal fumettista viterbese Oscar Celestini. Il libro è reperibile presso la Libreria La Bancarella, ma si può ordinare anche su internetbookshop.it e in ogni libreria italiana che ne faccia richiesta a ilfoglio@infol.it.

Questa raccolta di favole fu pubblicata per la prima volta nel lontano 1978 dalle Edizioni Paoline nella Collana Girotondo. Sono storie di animali umanizzati che compiono gesta avventurose e divertenti. Molto gustose sono: Il coniglio che andò soldato e Le lunghe orecchie di Gambalesta. Indicata per bambini dai 7 ai 10 anni.

PIOMBINO: LA DENUNCIA DI AMERINI SUL PROTOCOLLO LUCCHINI

Giampiero Amerini, capogruppo di AN nel Consiglio comunale di Piombino,denuncia alcuni fatti riguardanti il Protocollo d’Intesa che ha tenuto aperto il dibattito tra la Lucchini e le Istituzioni locali sui problemi dell’industria per circa un anno.

Tale Protocollo è stato firmato, il giorno 11 aprile 2005, dal Ministro dell’Ambiente. Il Consiglio Comunale ha affrontato più volte i problemi relativi agli interventi previsti nel Protocollo; quasi sempre su richiesta di informazioni da parte delle minoranze. Ci sono state anche molte polemiche, non solo perché fornite in ritardo, ma anche per il metodo adottato. I consiglieri, infatti, hanno quasi sempre appreso le notizie dalla stampa. Il Sindaco e l’Assessore, spesso, si sono giustificati affermando che che le convocazioni urgenti al Ministero dell’Ambiente, non permettevano di informare il Consiglio.

Ora non si parla più del Protocollo d’Intesa. Da oltre sei mesi, ossia da quando è cambiato il Ministro dell’Ambiente, sembra sparito nel nulla. Considerato che sono passati, e anche da molto, i tempi per “prendere in consegna” il ministero, Amerini ritiene che, i cittadini di Piombino, abbiano il diritto di sapere se il nuovo Ministro intende mantenere quanto siglato dal suo predecessore.

Chiede, pertanto, che nel prossimo Consiglio Comunale, con risposta scritta e verbale, siano fornite informazioni su quanto segue:
1) se gli interventi previsti nel Protocollo d’Intesa procedono come previsto, sia per quanto riguarda i lavori, sia per quanto riguarda i finanziamenti stabiliti dagli art. 4 e 5 dello stesso Protocollo (circa 40 milioni di euro).
2) se sono stati richiesti incontri col nuovo Ministro e, se richiesti, quali sono i motivi per cui, lo stesso On. Ministro, non ha avuto “l’occasione” per accoglierli.

IL CORDOGLIO DEI COMUNISTI ITALIANI PER LA FAMIGLIA DI BIBBIANI.

Venerdì pomeriggio verso le 14:00 una nuova tragedia. Fabrizio Bibbiani, autista di 47 anni, è rimasto vittima di un incidente di lavoro.

Ormai a fine turno lavorativo, Bibbiani stava guidando un grosso drumper carico di materiale estrattivo da portare agli impianti di frantumazione, improvvisamente perde il controllo del mezzo ed è finito lungo la scarpata. Il drumper si è rovesciato fermandosi a circa 50 metri sotto la strada. Bibbiani è stato sbalzato fuori dalla cabina prima che il mezzo si ribaltasse. Nonstante i rapidi soccorsi Bibbiani è morto poco dopo.

I Comunisti Italiani della Val di Cornia esprimono solidarietà alla famiglia di Bibbiani ed ai lavoratori delle Cave:
“Oggi sentiamo la necessità di manifestare il nostro più sentito cordoglio ai familiari”.

La nostra Regione e la nostra zona è troppo frequentemente chiamata a confrontarsi con gli incidenti e con le morti sul posto di lavoro. E’ necessario capire cosa sia successo e come dicono i sindacati confederati, che oggi scendono in sciopero, affrontare le responsabilità e le questioni di merito legate alla sicurezza sui posti di lavoro.

A tal proposito i Comunisti italiani appoggiano le iniziative dei sindacati e chiedono un interessamento ed un intervento delle istituzioni competenti a partire dalla preposta Commissione Regionale e dall’Assessore competente.

MONTICCHIELLO, TOSCANA: IL PAESAGGIO ITALIANO

Il convegno è indetto da Italia Nostra, F.A.I, Legambiente, W.W.F, Comitato per la bellezza.
Si terrà nella Sala del Granaio a Monticchiello ,in provincia di Siena,sabato 28 ottobre 2006 dalle 10 alle 17:30.

Il convegno nasce dal dibattito che si è sviluppato intorno al pesante intervento urbanistico di fronte alle mura di Monticchiello, ma vuole trattare dei preoccupanti sviluppi urbanistici e del consumo del territorio nella nostra zona, in Toscana e nell’Italia intera.
Interverranno tra gli altri: Roberto Della Seta (presidente nazionale di Legambiente), Giulia Maria Crespi (presidente del Fondo per l’Ambiente Italiano), Valentino Tosatti (WWF), Carlo Ripa di Meana (Italia Nostra) e Alberto Asor Rosa. E’ prevista anche la partecipazione del ministro Francesco Rutelli.

Durante la giornata saranno presentati vari casi locali.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 23.10.2006. Registrato sotto cronaca. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    17 mesi, 13 giorni, 9 ore, 28 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it