WWF E LIPU ALLE REGIONI SUI FONDI PER LA BIODIVERSITÀ

Prevedere il finanziamento di azioni a favore della biodiversità, innanzitutto partendo da Rete Natura 2000, dalle reti ecologiche nazionali e dai piani d’azione per le specie e gli habitat minacciati dall’uomo. Questa la richiesta di LIPU e WWF nella nota inviata ai Presidenti regionali e agli assessori competenti, in prossimità della stesura della programmazione regionale per i fondi strutturali 2007-2013 (POR).

La richiesta giunge a seguito dell’incontro del 28 luglio tra WWF e LIPU e il Ministero dello Sviluppo e ad una successiva comunicazione del Ministro Bersani, in cui il Ministro rassicurava le Associazioni sulle intenzioni di riconsiderare alcuni elementi critici contenuti nel documento strategico nazionale per i fondi strutturali che, così come formulati allo stato attuale, impedirebbero l’utilizzo dei finanziamenti comunitari per la tutela della natura per i prossimi sette anni.

“L’approccio adottato nel documento dal precedente Governo – dichiarano LIPU e WWF – presenta prerequisiti troppo vincolanti per un effettivo utilizzo dei fondi. Il nostro Paese, se adottasse questa impostazione, rischierebbe di non poter ottemperare agli obblighi e alle scadenze comunitarie in materia di conservazione della natura, e conseguentemente si assisterebbe all’insorgere di nuove onerose procedure d’infrazione.”
I timori di WWF e LIPU, sono fondati sui numerosi pronunciamenti della Commissione e del Parlamento Europeo. Le istituzioni europee, infatti, hanno previsto, a favore della biodiversità, un’articolata strategia d’azione composta da obblighi e da finanziamenti di sostegno attraverso l’integrazione tra i fondi per lo sviluppo rurale, i fondi Life+ e i fondi strutturali. In sostanza, la Commissione europea indica agli Stati membri la necessità di utilizzare in modo integrato tutte queste fonti di finanziamento.

Inoltre LIPU e WWF chiedono alle Regioni, in questa fase di programmazione, un pieno coinvolgimento dei soggetti attivi nella conservazione e valorizzazione della biodiversità, le Associazioni ambientaliste e gli enti di gestione delle aree protette, per individuare insieme le azioni più opportune per arrestare il degrado degli habitat naturali e degli ecosistemi e frenare l’estinzione delle specie animali e vegetali di cui l’Italia ha responsabilità a livello internazionale.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 13.9.2006. Registrato sotto ambiente/territorio. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    41 mesi, 4 giorni, 14 ore, 7 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it