PIOMBINO: A QUANDO LA RIAPERTURA DELLE FONTI DI MARINA?

Giampiero Amerini, capogruppo di Alleanza Nazionale in consiglio comunale a Piombino, pone alcuni quesiti sul centro storico di Piombino ed in particolare sulle fonti di marina ormai chiuse da più di cinque mesi.

«Le fonti di Marina – commenta Giampiero Amerini di AN – sono chiuse al pubblico da circa cinque mesi. Uno dei monumenti più caratteristici, forse il più amato dai Piombinesi e non solo da loro, ora è coperto da un’impalcatura e da una rete di protezione. La giustificazione ufficiosa è che le Fonti devono essere ristrutturate, ma la Sovrintendenza non ha ancora deciso il tipo di lavoro da eseguire e, a quanto si dice, non lo deciderà prima di settembre. Non si riesce a capire perché, in assenza del permesso per eseguire i lavori, è stata consentita, proprio nel periodo estivo, l’istallazione dell’impalcatura e della rete.

La ristrutturazione del vecchio ospedale, che ormai si trascina da anni – continua il consigliere si AN – ha creato molti, troppi, disagi ai cittadini che abitano nella zona. Anche la costruzione del parcheggio sotterraneo, che, di sicuro, andrà un bel po’ oltre i termini previsti, sta creando troppi problemi ai residenti. I lavori di ristrutturazione del vecchio ospedale, una volta completati, si dice, renderanno la zona più bella e la valorizzeranno molto. Questo è vero, occorre, però, evidenziare che non si tratta di un’opera pubblica, ma di un’opera privata, dalla quale i proprietari (privati) ricavano un utile. Non credo che sia giusto permettere ai privati di creare così tanti disagi ai cittadini. La lentezza, con cui vengono eseguiti i lavori, è esagerata e ora è giunto il momento di dire basta; non si può, e non si deve, permettere a nessuno di fare i propri comodi.

In merito a quanto sopra esposto, conclude Amerini, desidero sapere dall’amministrazione comunale se è vero che la sovrintendenza non ha dato il permesso di ristrutturare le Fonti di Marina, perché si è permesso di chiuderle proprio quando viene qualche turista, e quando si prevede che siano ultimati tutti i lavori relativi al vecchio ospedale.
Inoltre chiedo all’amministrazione comunale come s’intende risarcire (far risarcire) i cittadini per i danni, materiali e morali, subiti per il prolungarsi, oltre i limiti accettabili, dei lavori allo stabile del vecchio ospedale».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 22.8.2006. Registrato sotto cronaca. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    17 mesi, 10 giorni, 16 ore, 50 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it