NOTIZIE DALLA VAL DI CORNIA DEL 23 MAGGIO 2006

Molte ed interessanti le notizie di oggi dalla Val di Cornia tutte da leggere.
Premi su: Leggi Tutto…

SAN VINCENZO: CONCLUSA LA FESTA DELLA PALAMITA

Si è conclusa con grande successo di pubblico la VI° Edizione de La Palamita, la festa dedicata al pesce azzurro, diventato ormai un appuntamento fisso della tarda primavera sanvincenzina. Soddisfatti gli organizzatori, sia per le numerose presenze registrate sabato e domenica tra gli stand della manifestazione, sia per il livello dei convegni di approfondimento a partire da quello con le scuole e Unicoop Tirreno fino al congresso Toscano di Slow Food.

Ottimo il gradimento dei visitatori per la presenza delle città di Massa marittima, Abbiategrasso, Levanto con i loro prodotti tipici, così come un grande successo ha riscosso la degustazione del baccalà delle tre città Portoghesi di Sao Bras, Lagos e Tavira, ospiti d’eccezione di questa edizione. Significativo anche l’impegno degli operatori locali e delle associazioni: sono andate benissimo le degustazioni nei bar, alla galleria del supermercato Coop e nello stand allestito nel giardino della Torre dove i ristoranti hanno proposto assaggi di ricette da loro preparati. Presenti con i loro stand anche Arcipesca, Centro di Velo Sud Ovest e Comitato gemellaggi.

“L’obiettivo di promuovere il territorio e i prodotti del mare è andato a segno” commenta l’assessore al Turismo Elisa Cecchini. “Sono soddisfatta delle presenze e anche dei riscontri positivi avuti da parte di chi ha partecipato in prima persona alla manifestazione, dai ristoratori, ai commercianti, alle associazioni. Anche i momenti dedicati all’approfondimento dei contenuti più strettamente alimentari, come il convegno organizzato con Unicoop e con le scuole, e il congresso di Slow Food Toscana sono stati appuntamenti di grande interesse”.


PIOMBINO: LA SIDERFOR TORNA AD ESSERE UNA S.R.L.

Il rischio el fallimento, a fronte di un capitale sociale di 292mila 660 euro e una perdita al 2005 di 271mila 840 euro a portato alla decisione presa il 21 aprile scorso dal consiglio d’amministrazione della società, presieduto da Massimo Bagatti e di cui fanno parte i consiglieri Enrico Barbarese e Nedo Bestini; l’azienda ha come missione lo sviluppo economico del territorio attraverso una molteplicità di attività, ma, in questi anni, ha soprattutto svolto quella della formazione professionale.

Il controllo della società, dopo una ricapitalizzazione avvenuta nel 2004, è in mano del Comune di Piombino che detiene il 45% delle azioni (contro il precedente 10%) per un totale di 131mila 760 euro. Gli altri azionisti sono l’Industria informatica Spa (3,6%), l’Associazione industriali (4,82%), la Camera di commercio (34,77%), l’Arcelor (2,31%), la Lucchini (2,31%), lo Studio Sanitas (1,16%). Quote sono detenute anche dalla Dalmine, dal Centro sviluppo materiali Spa, da Uil e Cisl e dal Polo scientifico e tecnologico di Livorno.

Davanti ad un notaio, si è dunque svolta l’ultima riunione del Cda, dove lo stesso presidente Bagatti ha illustrato la situazione. Al 31 dicembre 2005 il bilancio della società evidenziava perdite dell’esercizio precedente pari a 153mila 127 euro e un ulteriore disavanzo per 118mila 721 euro.
Difficile pensare ad un futuro in queste condizioni. L’ancora di salvezza a cui si è appigliata la Siderfor è la trasformazione da Spa a Srl con una riduzione del capitale sociale a 20mila 753 euro. Il resto del capitale versato, evidentemente, sarà impiegato per risanare il grosso buco di bilancio.

«La Siderfor – commenta Giampiero Amerini consigliere di Alleanza Nazionale – dopo solo un anno di esperienza come S.p.A. torna ad essere una modestissima S.r.l.. A prima vista sembrerebbe che non ci fosse nulla di eccezionale, ma non è così perché in questa società il Comune di Piombino possiede azioni per €. 131.760 (oltre il 45% del capitale). Il nostro Comune, infatti, per esplicita volontà del Sindaco, avvallata dalla maggioranza che comanda a Piombino, all’inizio del 2005 ha investito nella Siderfor qualcosa come 125.000 Euro di soldi pubblici. Il passaggio da S.p.A. a società a responsabilità limitata, con riduzione del capitale sociale da €. 292.600,00 a €. 20.753,00 è stato stabilito (art. 2327 del C.C.) per risanare la perdita che alla chiusura del bilancio 2005 risulta essere di €. 271.848,00. Il capitale del Comune di Piombino scende, – continua Amerini – quindi a €. 9.345,00 con una perdita pari a €. 122.415,00. E’ stato un investimento molto redditizio, non c’è che dire. Ora staremo a vedere quali scuse troverà il Sindaco per giustificare l’operazione con i cittadini.

Alleanza Nazionale non solo è sempre stata contraria alla Siderfor, ma ha portato più volte il problema in Consiglio Comunale e sulla stampa locale criticando, fino al punto di divenire noiosi, la decisione della maggioranza. Ora, di fronte a questo fallimento che dimostra un’oggettiva incapacità amministrativa di questa giunta, potremmo dire che avevamo ragione, ma si tratta di soldi pubblici, di soldi usciti dalle tasche dei cittadini di Piombino e non ci sentiamo di gioire.

Desideriamo ricordare al sig. Sindaco la riunione del 15 dicembre 2004, quando affermò: “Siderfor è un’azienda formativa tra le più autorevoli e conosciute nell’intero panorama regionale, è un’azienda leader nella provincia di Livorno”. Meno male altrimenti quanto ci costava? Tutto questo senza contare che il nostro caro Sindaco, in barba alle leggi e alle regole democratiche, ha già deciso quello che, per statuto, spetta al Consiglio Comunale. All’O.d.G. del Consiglio Comunale del 24 maggio 2006, (punto 6) si legge: -Trasformazione della Siderfor S.p.A. in società a responsabilità limitata. La Siderfor è stata trasformata in S.r.l. il giorno 21 aprile 2006 e il Sindaco ha deciso senza alcun mandato del Consiglio Comunale. Nella democratica Piombino – conclude Amerini – purtroppo, accade anche questo».


PIOMBINO: AL VIA IL 26 MAGGIO CON LA FESTA DELL’UNITÀ AL COTONE

Parte da Piombino la Campagna Feste de L’unità 2006 dei DS della Val di Cornia-Elba. Primi ad aprire gli stand del tradizionale appuntamento, ideato in tutta Italia 60 anni fa dall’allora Partito Comunista Italiano, i volontari della Sezione Cotone dal 26 maggio al 4 giugno nel parco del Cotone.

Subito dopo dal 9 al 18 giugno è la volta della Festa di Salivoli, che quest’anno si sposta nel parcheggio di Calamoresca. Sempre a giugno dal 16 al 25 è la volta di Riotorto, negli spazi della pinetina. Appuntamento clou per Piombino sarà come ogni anno a La festa de l’Unità al Parco VIII marzo, già fissata dal 18 agosto al 3 settembre.

Ma tutta la Val di Cornia vedrà a partire da luglio lo svolgimento delle feste:

Suvereto (13-16 luglio), Campiglia (28 luglio-6 agosto), San Vincenzo (4-15 agosto), Sassetta (12-15 agosto), Venturina (17-27 agosto). Ancora da stabilire le date delle due feste elbane Rio Marina e Portoferraio. Come al solito ricco il programma delle iniziative politiche, in costruzione in queste settimane. Sicuramente al centro del dibattito i temi del governo e della costruzione del partito democratico, ma non mancheranno i dibattiti sui problemi locali, la presentazione di libri e naturalmente gli spettacoli.


PIOMBINO: IN MEMORIA DI ALDO ROMBAI

Il sindaco Anselmi ricorda la figura di Aldo Rombai, uno degli ultimi esponenti dell’associazione ex internati nei lager nazisti di Piombino, scomparso recentemente, al quale si unisce anche il cordoglio della redazione del Bazar Etrusco.

“Chi ha conosciuto Aldo Rombai ha avuto modo di apprezzarne la passione, l’impegno e l’alto valore civile, fino all’ultimo messi a disposizione della sua comunità con un’attenzione particolare verso i giovani. In uno dei nostri ultimi incontri mi aveva consegnato le chiavi dell’associazione ex internati, di cui faceva parte, preoccupato della necessità di garantire una giusta continuità al lavoro svolto in tutti questi anni, da lui e dagli altri compagni.

La sua testimonianza, lucida e autentica, i suoi numerosi incontri con i giovani, il lavoro svolto per la città, rappresentano un patrimonio che non va disperso, ma che deve continuare a vivere attraverso un rinnovato impegno per garantire la giusta consapevolezza e la conoscenza del nostro passato soprattutto tra le giovani generazioni. La memoria di quei drammatici eventi è essenziale infatti per proseguire nell’affermazione dei principi di libertà, giustizia e solidarietà, alla base della nostra democrazia, e per un futuro di pace .
Anche per questo la città di Piombino è grata ad Aldo Rombai.”

SAN VINCENZO: VENERDÌ INCONTRO CON LA PSICOLOGA AL NIDO

Si terrà venerdì 26 alle 17.30 presso il nido comunale l’incontro rivolto ai genitori con la psicologa Conny Leporatti dal titolo “La figura del babbo”. L’iniziativa si svolge nell’ambito del mese di apertura delle domande di iscrizioni al nido, che possono essere presentate fino al 31 maggio.

In questo mese le educatrici del nido hanno organizzato delle giornate di visita della struttura comunale rivolte ai genitori, per far conoscere meglio le attività dell’asilo e per dare tutte le spiegazioni richieste sul servizio. L’iniziativa ha riscosso grande successo, così come i due incontri già avvenuti con la psicologa, talmente apprezzati che i genitori hanno chiesto di frane un terzo, che appunto si terrà venerdì.

I termini di presentazione delle domande scadono dunque il 31 maggio. 27 i posti disponibili, 10 per il gruppo lattanti (3-12 mesi) e 17 per il gruppo medio-grandi (13-36 mesi). Possono essere ammessi al nido i bambini che al 1° settembre 2006 abbiano un minimo di tre e un massimo di trentadue mesi di età.

La domanda di iscrizione va presentata, compilando gli appositi moduli disponibili presso l’Ufficio relazioni con il pubblico e l’Ufficio pubblica istruzione del Comune, esclusivamente all’Ufficio Protocollo del Comune di San Vincenzo nei seguenti orari: dal lunedì al venerdì ore 10-13, lunedì e mercoledì anche dalle 16 alle 18. Entro il 10 giugno sarà pubblicata la graduatoria.

RIOTORTO: TORNANO LE STRANE FESTE DI VIGNALE

Dopo il successo della prima edizione, torna con più forza che mai “Le Strane Feste di Vignale” – Loc. Piombino- (27 e 28 maggio). Una manifestazione che offre di tutto e di più: rievocazione storica, cena tipica, animazione teatrale, torneo di tiro con l’arco, incontri e passeggiate, all’insegna di un medioevo magico e leggendario.

Fra le novità, la più significativa è il cambio di data, l’anno scorso quest’iniziativa si svolgeva a settembre chiudendo magicamente l’estate, quest’anno, invece, gli organizzatori hanno deciso garantirsi il bel tempo e così, la festa si fa ad inizio stagione. Non è novità però il ricco cartellone, in grado di soddisfare i gusti del più esigente, e il modico prezzo (10 euro) dei pranzi e cene a menu tipico.

Ecco il programma:

Si parte sabato 27 maggio (ore 16.00) con Fantanimazione medievale per bambini “La Bottega di Leonardo”. Alle 17.30 incontro su: ”Le piante, una ricchezza inestimabile a portata di mano” a carico delle Erboristerie “Il Germoglio”. Alle ore 18.00 “Rievocazione delle Giostre dei Cavalieri” a cura dell’Associazione cavalieri di Riotorto, con la partecipazione del Gruppo equestre San Vincenzo e dell’Ordine dei Cavalieri di San Fiorenzo di Campiglia M.ma.
Dalle ore 19.00 è possibile andare a cena “Alla Taverna dei Cavalieri”. Finita la cena, ci sarà uno spettacolo teatrale itinerante (ore 21.30) “Anno Domini 1360 La Leggenda del Castello di Vignale”.

La Domenica 28 (ore 9.00) si inizia con una bella passeggiata intervallata da racconti sull’utilizzo delle erbe nel passato: “Dalla Fattoria ai Ruderi del Castello. Alla ricerca del Latte di Gallina ed il Sangue di Drago” realizzata in collaborazione con l’Associazione Trekking di Riotorto. Di ritorno della gita (ore 11.30) l’incontro ” Herbae Nostrae” ci insegnerà ad utilizzare tutte le erbe che abbiamo visto e di quelle che sono parte del nostro paesaggio. A continuazione, chi è affamato, potrà anche partecipare al molto appropriato “Banchetto Dei Viandanti”.
Nel pomeriggio (ore 17.00) “Kournal 2006” Corteo e Torneo di Tiro con l’arco in costume medievale tra i Castelli di Suvereto, Scanzano, Campiglia, Scarlino, San Vincenzo e Riotorto in collaborazione con “Compagnia Arcieri Aquila Nera” di Suvereto arricchito dallo spettacolo offerto (Ore 18: 00) dalla “Compagnia Sbandieratori e Musici S.Croce Suvereto”. Per concludere con “Il Banchetto del Tramonto” (dalle ore 19, 30.).

Il programma finirebbe qui, ma queste sono Le Strane Feste di Vignale, e così in contemporanea, ci saranno anche incursioni teatrali sui proverbi toscani, La Strana Fiera Dell’est con degustazioni e vendita di prodotti tipici, artigiani e d’artisti locali, per gli spuntini ci sarà L’osteria del Viandante, per gli sportivi: il maneggio e per i più curiosi la Mostra di attrezzi e mezzi d’epoca. E per tutti, lo spettacolo itinerante Le Streghe di Vignale.
Per prenotazioni e ulteriori informazioni Circoscrizione Di Riotorto – 0565 20826


SAN VINCENZO: SI INTENSIFICA LA LOTTA ALLA ZANZARA TIGRE

Entra nel vivo la campagna contro la zanzara tigre a San Vincenzo. In questi giorni pieghevoli informativi sono in distribuzione insieme al periodico comunale in tutte le case dei sanvincenzini.

Nei pieghevoli le istruzioni per un corretto comportamento dei cittadini relativamente all’utilizzo dell’acqua e di recipienti nell’ambito privato, determinante per combattere la formazione di questa zanzara e le informazioni sull’attività del Comune. S questo fronte, la ditta Salvambiente ha già fatto tre trattamenti per uccidere le larve, distribuendo nelle griglie e nelle fogne di tutto il Comune delle pasticche per impedire che si formino. I trattamenti proseguiranno per tutta la stagione fino a Ottobre.

Le pasticche verranno distribuite gratuitamente anche ai cittadini che dovranno metterle nei sottovasi, o nei ristagni d’acqua nei loro giardini o nelle loro abitazioni. La prima distribuzione delle pasticche antizanzara è in programma per mercoledì 14 giugno dalla 9.30 alle 13 all’interno del palazzo comunale. Ce ne saranno poi altre due una il 12 luglio e l’ultima il 9 agosto.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 23.5.2006. Registrato sotto cronaca. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    17 mesi, 13 giorni, 10 ore, 11 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it