NOTIZIE BREVI DALLA VAL DI CORNIA DEL 9 MAGGIO 2006

Oggi pubblichiamo commenti e riflessioni sull’attualità in Val di Cornia.
Premi su: Leggi Tutto…

AMERINI: VIABILITA’ IL PROBLEMA PRINCIPALE DI PIOMBINO

Pubblichiamo integralmente un commento di Giampiero Amerini di AN al Consiglio comunale.

«La viabilità d’accesso a Piombino – inizia Giampiero Amerini – è un problema che tutti i cittadini conoscono e, purtroppo, è anche una realtà con la quale hanno dovuto imparare a convivere. Parlare di una nuova strada d’accesso alla città e del completamento della 398 vuol dire solo mettere nuovamente il dito nella piaga e ripetere le stesse cose; quelle che, da oltre trenta anni, dice invano chi vuole bene a questa città. Sono consapevole che il problema è complesso, che richiede notevoli investimenti e che i tempi per risolverlo sono lunghi; sono anche consapevole che criticare e fare polemiche su questo argomento è veramente facile.

Questa volta, quindi, cerco di affrontare problemi più semplici e facilmente risolvibili come, per esempio, la segnaletica. Partiamo dalla Geodetica che poi è la strada, anche se a torto, considerata principale, visto che ha la precedenza anche sulla stessa 398. Su quella strada da circa un anno è stata istallata la nuova segnaletica che è ancora coperta col classico telo nero. Una parte dei nuovi segnali è stata scoperta dal vento, o da ignoti, creando una situazione di contraddizione con la vecchia segnaletica. I cartelli vecchi sono quasi illeggibili, altri sono nascosti fra i rami delle piante, girati in senso contrario o coperti col nastro e con spruzzi di vernice. La segnaletica che limita il traffico ai mezzi pesanti è stata coperta o manomessa e molti catarifrangenti, ai lati della carreggiata, sono nascosti dalle erbacce. Sulle altre strade la situazione non è “caotica” come sulla Geodetica, ma non si può certo definire regolare.

La Geodetica e la 398 -conclude Amerini – che sopportano tutto il traffico pesante e, comunque, oltre l’ottanta per cento di quello diretto a Piombino, devono dare la precedenza a una strada turistica come è classificata la Principessa. Considerato che la segnaletica e la regolamentazione del traffico possono migliorare e rendere più sicuro l’accesso alla città desidero sapere se si ritiene opportuno intervenire e, in questo caso, quali sono gli interventi previsti su quanto segue:
– segnaletica verticale, orizzontale e laterale delle strade principali esistenti nel territorio comunale,
– segnaletica relativa al transito dei mezzi pesanti sulla Geodetica (se il divieto è ancora in vigore),
– modifica del diritto di precedenza all’incrocio della Geodetica con S.S. 398 e a quello di Fiorentina fra le due strade riunite e la Principessa».


SAN VINCENZO: IL SINDACO A FIRENZE PER IL DIPINTO DI TALANI

E’ stato presentato l’8 maggio alle 11.00 a Firenze, il progetto per l’ultimo lavoro del pittore sanvincenzino Giampaolo Talani, realizzare un dipinto di 80 mq dal titolo “Partenze” per la stazione di Firenze Santa Maria Novella.

Alla cerimonia era presente anche il Sindaco di San Vincenzo Michele Biagi, che ha manifestato la sua soddisfazione per l’incarico dato a Talani dalla Regione e dal Comune di Firenze per eseguire l’opera. Un progetto, che vede coinvolti anche altri due sanvincenzini l’architetto Alessandro Panichi e il produttore di video e strumenti multimediali Guido Cionini. “Ho voluto essere presente per ringraziare ancora una volta Gianpaolo Talani del lavoro che fa ormai da anni e che porta il nome di San Vincenzo ben oltre i suoi confini. MI fa ancora più piacere che anche altri due nostri concittadini prendono parte a questa iniziativa: davvero una bella testimonianza della ricchezza e vivacità della nostra comunità”.


PIOMBINO: LETTERA APERTA DELLA CONFESERCENTI SU PIAZZA GRAMSCI

Piazza Gramsci a Piombino, i cui lavori procedono a ritmo di moviola calcistica, sta diventando un caso anche la dubbia estetica (e questo dovrebbe far riflettere tutti quelli che si basa per le scelte su proiezioni con la computer grafica) e sulla fruibilità della stessa per i cittadini. Per questo Eleonora Cremisi, presidente di Confesercenti ha pensato di scrivere una lettera aperta al Sindaco Anselmi. Leggiamola insieme.

«Registriamo con soddisfazione – inizia Cremisi – la volontà del Sindaco Anselmi, espressa sulla stampa di ascoltare i problemi e i suggerimenti degli imprenditori. Al contempo dobbiamo osservare ancora una volta come sia altrettanto indispensabile per ottimizzare il lavoro di tutti che esistano confronto e collaborazione reali fra l’Amministrazione Comunale e le imprese.
Purtroppo ci duole affermare che a tutt’oggi gli operatori continuano ad apprendere le novità che li riguardano dai giornali o dalla segnaletica provvisoria, senza poter, non soltanto esprimere un proprio parere ma neanche programmare la conduzione della propria attività al meglio.

La discesa in campo del Sindaco ci fa sperare in uno sblocco immediato di questa situazione, sblocco che permetterebbe di realizzare finalmente un nuovo metodo di lavoro efficace che superi la cattiva abitudine consolidata negli anni di prendere decisioni che riguardano il mondo del commercio limitandosi alla mera informazione. La città ha bisogno di una riqualificazione complessiva per la quale occorreranno i sacrifici di tutti ma, coinvolgendo le imprese nella programmazione dei lavori si possono attivare meccanismi che intervengano sull’attuazione della viabilità, della sosta, della durata, della sospensione dei lavori, al fine di limitare i danni.

Data la pesante situazione di crisi in cui si trovano in questo momento le imprese e la sempre più pressante offerta della grande distribuzione, occorre fare particolare attenzione alle scelte che possono creare cambiamenti di flussi e di conseguenza metterne in pericolo la sopravvivenza. Infatti, la carenza di parcheggi e la viabilità difficoltosa sono già dei forti deterrenti. Se poi gli affianchiamo delle scelte sbagliate il mix è perfetto per offrire alla grande distribuzione una clientela sempre più vasta. Occorre mettere in atto una vera concertazione e siamo fiduciosi che grazie al Suo impegno preso
pubblicamente, in futuro il tavolo di concertazione vedrà coinvolti tutti gli assessorati. Solo così potremo lavorare al meglio per raccogliere i frutti dell’impegno di valorizzazione delle attività economiche,consolidando anche nelle scelte del Piano strutturale che conosciamo ma aspettiamo di discutere, la volontà di qualificare le nostre imprese rendendo la nostra città un polo di attrazione per tutta l’area e per il turismo.

Non occorre qui ricordare che le presenze turistiche in città sono in numero maggiore rispetto agli altri centri della Val di Cornia, ma che la ricaduta economica di questo dato è pressoché nulla. In quest’ottica ci sembra evidente che, facilitare l’accesso al centro e creare nuove possibilità di sosta in tempo reale, insieme all’organizzazione di eventi significativi, promuoverebbe il salto di qualità che tutti vogliamo per Piombino e per la nostra economia».

PIOMBINO: CORDOGLIO DELL’UDC DI
PIOMBINO PER LE VITTIME IN MISSIONE

Pubblichiamo uniti nel dolore per la morte dei nostri soldati in missione di Pace a Nassyria e Afghanistan.

«Purtroppo il tributo di sangue delle truppe italiane nel compimento della loro missione di Pace continua – inizia Coppola – e l’Udc di Piombino esprime il suo sentito cordoglio alle famiglie delle vittime ed alle forze armate, ci auguriamo che i soldati rimasti feriti siano fuori pericolo e che guariscano al più presto.
Siamo orgogliosi dei nostri soldati e non dimenticheremo mai il loro sacrificio in difesa della pace e della libertà altrui.

Il susseguirsi di attacchi nei confronti dei nostri soldati su fronti diversi, potrebbe avere lo scopo di strumentalizzare il passaggio istituzionale che sta attraversando l’Italia con un disegno ben preciso da parte dei vertici del terrorismo islamico. Non dobbiamo farci intimidire e tutti uniti dobbiamo dimostrare la nostra solidarietà all’operato dei nostri contingenti in Iraq ed in Afghanistan, poi spetterà alla politica ed alle sue differenze decidere se ritirarsi o rimanere».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 9.5.2006. Registrato sotto cronaca. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 27 giorni, 5 ore, 47 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it