PIOMBINO: NUOVO PROGETTO PER AREA EX SIDERCO

Sarà presentato con un incontro pubblico giovedì 2 marzo alle ore 16 presso la Sala Conferenze del Castello di Piombino il nuovo progetto (la quarta ipotesi) per il recupero dell’area EX Siderco, denominata città futura.

«Lo Studio di Fattibilità – commentano fonti dell’amministrazione comunale – per la costruzione deIla STU (Società di trasformazione urbana) Città Futura attraverso la rigenerazione urbana dell’area ex siderurgica, approvato e cofinanziato con risorse del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, costituisce una importante tappa del lungo percorso avviato dal Comune di Piombino per la “riconqusta” da parte della città delle aree della grande industria. Le attività effettuate nello studio di fattibilità hanno consentito la messa a punto di un progetto di riqualificazione basato sui principi europei per lo sviluppo sostenibile».

«Sono – continua il comune – stati individuati ambiti prioritari d’intervento ed è stato elaborato uno specifico masterplan coerente sia con le indicazioni programmatiche dell’Amministrazione comunale di Piombino che con i risultati delle analisi di mercato effettuate.
Il progetto è articolato su quattro assi progettuali:
il parco del ferro e dell’acciaio; produrre e innovare; la “porta urbana”; l’abitare sostenibile.
Il progetto è stato sottoposto a verifiche di fattibilità tecnica, ambientale, economico-finanziaria e procedurale amministrativa, che ne hanno dimostrato la completa sostenibilità».

Premi su: Leggi Tutto…

“La porta urbana”, concentrata all’ingresso della città, all’altezza dello svincolo tra i viali dell’Unità d’Italia e della Resistenza. Sono previsti interventi edili per circa 31mila mq. Probabilmente sarà realizzata una piazza sopraelevata, sopra la quale dovrebbero sorgere cinque avveniristici edifici a 5 piani, che in parte occuperanno l’attuale svincolo d’ingresso alla città e l’area dell’ex Pegaso, compresa l’area dei campi da tennis, che dovrebbe essere quindi demolito insieme all’ex bocciodromo. Dei 31mila metri di costruzioni nel comparto ex Pegaso, 17mila sarebbero destinate a residenziale e direzionale, 2mila 700 al terziario, 4mila 800 a servizi a reddito e ben 7mila al commerciale. Sotto la piazza sarebbero realizzati poi parcheggi per oltre 25mila mq. L’altro intervento prevede la realizzazione nell’attuale campo di calcio di Montemazzano, la costruzione di 11mila mq. di villette a schiera. Mentre nell’area Ex Siderco sono previsti capannoni industriali e commerciali. La Coop andrà comunque allo stadio Magona.

L’incontro di giovedì 2 marzo avrà inizio alle ore 16 con il saluto e introduzione del sindaco Gianni Anselmi, e sarà diviso in due sessioni: la Prima sessione LO STUDIO DI FATTIBILITÀ PER CITTÀ FUTURA.
Presenterà il progetto con gli interventi di Camilla Cerrina, Dirigente Servizio Urbanistica del Comune di Piombino, Sergio Pasanisi, Direttore tecnico Asset srl, Jacopo Tinti, Ambiente scrl, Claudia Giovannini, Europrogetti&Finanza SpA, Levino Petrosemolo, Direttore tecnico Asset srl e
Carlo Melograni, consulente scientifico dello studio.

La Seconda sessione dal titolo CITTÀ FUTURA: OPINIONI A CONFRONTO sarà introdotta da Vezio De Lucia, coordinatore del Piano Strutturale d’Area e dopo il dibattito trarra le conclusioni il sindaco Anselmi.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 23.2.2006. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    49 mesi, 3 giorni, 13 ore, 57 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it