I COMUNI DELLA VAL DI CORNIA CONTRO I TAGLI DELLA FINANZIARIA

La politica finanziaria dei Comuni, tema di grande rilievo per le amministrazioni locali in vista della prossima Finanziaria, è stata al centro della discussione del direttivo Anci Toscana che si è riunito martedì 25 ottobre a Prato. Della Val di Cornia hanno partecipato all’assemblea i sindaci di Piombino e di Campiglia Marittima, componenti del direttivo e Massimo Giuliani, neo assessore al bilancio del comune di Piombino.

Dopo una discussione sui problemi comuni a tutte le amministrazioni, i cui bilanci rischiano di subire conseguenze drammatiche a causa dei tagli indiscriminati previsti nella nuova Finanziaria, il direttivo ha assunto alcune decisioni importanti. Tra queste, l’iniziativa, condivisa dai comuni toscani, di convocare i consigli comunali il prossimo 7 novembre in occasione della discussione della Finanziaria alla Camera dei Deputati, e sostenere un ordine del giorno proposto dall’Anci. In virtù di questo, il consiglio comunale di Piombino, previsto originariamente per il 4 novembre, slitterà al 7 novembre prossimo.

L’associazione dei comuni, intanto, ha già presentato alle commissioni parlamentari un corposo pacchetto di emendamenti per correggere gli aspetti più penalizzanti della Finanziaria che, secondo i Comuni, predispone una tale riduzione di risorse nei confronti degli enti locali da colpire direttamente il sistema di servizi e di protezione sociale rivolta ai cittadini.
Per questi motivi, nel corso del direttivo Anci di martedì, è stata discussa anche l’eventualità da parte delle amministrazioni locali di approvare i bilanci preventivi a legislazione vigente, prima dell’entrata in vigore della nuova Finanziaria.
«Il nostro obiettivo è quello di far conoscere ai cittadini gli effetti della proposta dal Governo, che si configura come un vero e proprio attacco allo stato sociale, così come si è consolidato in questi anni nel nostro Paese e nel territorio toscano – dice Massimo Giuliani – Nelle prossime settimane avvieremo una fase di discussione, convocando le associazioni, le circoscrizioni e i cittadini in un percorso di condivisione larga delle scelte che dovranno essere assunte».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 28.10.2005. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    50 mesi, 22 giorni, 8 ore, 19 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it