NOTIZIE BREVI DALLA VAL DI CORNIA DEL 16 OTTOBRE 2005

Nelle brevi di oggi parliamo della nuova rete fognaria nel quartiere Cotone a Piombino, della mostra Magonarte che prosegue fino al 23 ottobre, dei sindaci della Provincia di Livorno che sono andati dal Prefetto a protestare per i tagli della finanziaria, della ricostruzione della casa in Via Landi a Piombino ad opera del Casalp, e degli appuntamenti di questa domenica a Sassetta per le feste d’ottobre.
Leggi Tutto… (News del 16-10-2005)

PIOMBINO: AL VIA IL PROGETTO PER LA RETE FOGNARIA AL COTONE

Approvato dalla Giunta comunale il progetto preliminare per la realizzazione della fognatura nera al Cotone. Il progetto, inserito nell’ambito del più ampio Contratto di Quartiere finanziato dal Ministero delle Infrastrutture, prevede la realizzazione di stazioni di pompaggio e di una rete di fognature al Gagno e al Cotone per una spesa complessiva di 950 mila euro.
Entro i primi di novembre il Comune dovrà inviare al Ministero delle Infrastrutture il progetto definitivo, che permetterà poi l’avvio delle procedure di gara e dei lavori veri e propri.

Il progetto presentato dal Comune di Piombino nell’ambito del Contratto di Quartiere è arrivato secondo nella graduatoria dei comuni scelti dal Ministero delle Infrastrutture per il finanziamento, pari a 10 milioni di euro. Insieme alla costruzione della rete fognaria, il lavoro complessivo prevede la riqualificazione urbana di Poggetto e Cotone a partire dalla piazza della borgata, la costruzione di una rotatoria davanti alla Sol all’incrocio della strada per il Cotone, la costruzione di 38 nuovi alloggi di edilizia pubblica in via della Pace, a Montemazzano, secondo i criteri dell’architettura bioclimatica e del risparmio energetico.


LA QUINTA EDIZIONE DI MAGONARTE IN MOSTRA FINO AL 23 OTTOBRE

Eccoci arrivati al consueto appuntamento di ottobre con MagonArte, mostra collettiva di artisti dipendenti de La Magona, che è stata inaugurata sabato 15 ottobre alla Galleria Comunale d’Arte Moderna e Contemporanea di Piombino.

La Magona d’Italia, da sempre sensibile e vicina al mondo culturale ed artistico del suo territorio, basti ricordare che da quando è nata la Galleria d’Arte è lo sponsor ufficiale, quest’anno ha voluto sostenere e supportare lo spirito artistico dei propri dipendenti e dei loro familiari, dando loro l’opportunità di esporre alla Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea.

Gli artisti espositori sono, per la Poesia: Anna Centrella,Lorenzo Favilli, Silia Govi Calafati, Lorenza Lenzini, Marcello Mazzella, Maurizio Rossi, Claudio Vallini. Quest’anno per la poesia parteciperà anche un giovanissimo Magonista, Giacomo Baggiani che con i suoi 12 anni non ha niente da invidiare agli altri poeti.
Per la Fotografia:Paolo Bandini, Mirko Carli, Claudio Cennini, Alberto Gazzoni.
Per la Pittura, Scultura,Incisione e Design: Michele Bianconi,Ivano Biondi, Aurora Bolioli, Lorenzo Bolioli, Donatella Canovaro, Luca Cardeti, Manuela Falagiani, Sauro Govi, Agnese Lorenzini, Fabio Lorenzini, Marcello Mazzella,Giuseppina Nicolosi, Marco Stocco,Diego Torrini.

La mostra prosegue fino al 23 di Ottobre presso la Galleria d’Arte che sarà aperta dalle ore 9.00 alle ore 12.30 e dalle ore 16.00 alle ore 19.30, per informazioni tel. 0565 22 13 14.

I SINDACI DAL PREFETTO CONTRO I TAGLI ALLA FINANZIARIA

Il 14 ottobre 2005 i sindaci dei Comuni di della Val di Cornia, insieme ai loro colleghi di Livorno, Cecina, Rosignano Marittimo, Bibbona, Castagneto Carducci e Collesalvetti, ed al Presidente della Provincia di Livorno hanno incontrato il prefetto di Livorno, Giancarlo Trevisore, per spiegare che questa Finanziaria non taglia sprechi ma servizi ai cittadini.

Alla guida della delegazione il presidente del Circondario Silvia Velo, che anche in qualità di sindaco di Campiglia Marittima e di componente dell’Ufficio di Presidenza dell’Anci Toscana, ha avuto il compito di spiegare che il taglio del 6,7% ai bilanci comunali voluto dalla Finanziaria di Tremonti inciderà pesantemente sul welfare locale, sulla casa e sul trasporto pubblico, passando anche per l’edilizia scolastica. Un taglio drastico di risorse finanziarie che decurterà tra il 10 ed il 13,5% i bilanci Comuni, già messi a dura prova dalle Finanziarie degli ultimi anni.

All’incontro col Prefetto, quale autorità di rappresentanza del governo sul territorio, i sindaci hanno spiegato con cifre alla mano i pesanti tagli applicati dal “Vincolo Tremonti”, che per Piombino si aggira su quasi 3milioni di euro, circa 600mila euro per Campiglia Marittima e 435mila euro per il Comune di San Vincenzo. Tradotto in pratica significa che i sindaci della Val di Cornia saranno costretti a rivedere completamente i propri bilanci, alle voci relative al welfare locale ed alle opere pubbliche, penalizzando così in prima persona i cittadini.

Nel corso della conferenza stampa che si è svolta subito dopo nel Comune di Livorno i sindaci della Val di Cornia hanno chiarito la propria posizione, sostenendo a chiare lettere che non è possibile scaricare tutto il peso di una crisi economica soltanto sugli enti locali, e nel pomeriggio, all’Anci Toscana, tutti i rappresentanti dei Comuni toscani si sono riuniti per sottolineare che le istituzioni toscane sono disponibili ad impegnarsi con senso di responsabilità per il risanamento della finanza pubblica, ma a condizione che nella finanziaria vengano inserite garanzie per il mantenimento dei servizi e vere misure per favorire la ripresa dello sviluppo.


PIOMBINO: SARÀ RICOSTRUITA DA CASALP LA PALAZZINA DI VIA LANDI

E’ stato siglato giovedì 13 ottobre nella sala consiliare del comune il protocollo d’intesa tra Casalp, la società che gestisce il patrimonio della residenza pubblica, e i proprietari dei cinque appartamenti della ex palazzina di via Landi, distrutta nella tragica esplosione del 14 aprile 1999.

L’accordo prevede la ricostruzione dell’intero edificio, quattro piani e un pianterreno, ampliato rispetto al passato. Saranno in tutto 12 gli appartamenti da costruire ex novo, per un totale di 829 mq rispetto ai 300 dell’epoca. Di questi, 5 andranno ai proprietari e alla famiglia Massarri che nell’esplosione perse un’attività commerciale, mentre gli altri 7 potranno essere in parte venduti e in parte destinati a locazione.
Le nuove unità abitative saranno un po’ più grandi rispetto alla prima versione. Il costo complessivo dell’edificio sarà di 900 mila euro e la quota a carico dei cinque proprietari sarà di circa 250 mila euro.
«Non si tratta di una realizzazione di edilizia residenziale pubblica – spiega Marco Macchioni vicepresidente di Casalp – ma di un’operazione di natura privatistica. La prima in assoluta che Casalp si accinge a fare in tutta la provincia. Naturalmente, tenendo conto delle finalità sociali della società, i prezzi di vendita e di locazione dei 7 appartamenti in più, saranno più bassi rispetto ai prezzi di mercato».

Il ruolo del Comune, in questa vicenda, è stato quello di individuare in Casalp la società disponibile a realizzare i lavori, di diminuire gli oneri di urbanizzazione del 30% e aumentare la superficie edificabile.«Si tratta di un passaggio importante per tutta la città – ha commentato il sindaco Anselmi – non solo per la circostanza dolorosa che l’ha originato ma anche per ciò che ne è conseguito dal punto di vista urbano. Durante i sei anni dal terribile episodio il Comune ha cercato di attivare tutte le procedure possibili per ricostruire gli appartamenti alle famiglie che erano rimaste senza casa. Sull’intero quartiere stiamo cercando riporre un’attenzione nuova e si prevede anche la riqualificazione complessiva di via Landi, con la riasfaltatura e la costruzione di nuovi marciapiedi».


SECONDA DOMENICA DI FESTA A SASSETTA

A Sassetta oggi domenica 16 ottobre 2005 seconda domenica di festa con la “Tordata” che taglia con il 2005 la sua 38ª edizione.

In piazza nuova gli stand gastronomici propongono un ricco ventaglio di stuzzicanti proposte apriranno intorno a mezzogiorno quando avrà inizio il servizio ristorante che prevede un menù di piatti tipici: dai primi a base di salsa di cinghiale e funghi (immancabile la polenta cotta sul fuoco di legna) alle faraone, polli, fagiani cotti sul grande girarrosto all’aperto, bistecche e salsicce alla brace, cinghiale in umido, senza dimenticare salumi, formaggio, zonzelle, dolci casalinghi. Un discorso a parte per le castagne arrostite, denominatore di questa seconda domenica di festa.

Nel pomeriggio alle 15 uscirà il corteo storico accompagnato dagli Sbandieratori e balestrieri Città di Cortona. Verranno ricordate alcune pagine della storia di Sassetta come la cerimonia di lettura delle suppliche al Signore. Gli Sbandieratori di Cortona si esibiranno lungo il percorso del corteo e nella cornice di Borgo di Mezzo.

La manifestazione è organizzata dalla Pubblica Assistenza e dal Comune con la collaborazione della Compagnia teatrale “I Rintronati”, Coro parrocchiale Montalvo, Circolo culturale artistico Emilio Agostini, Comitato cacciatori Sassetta, commercianti e attività produttive.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 16.10.2005. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    16 mesi, 14 giorni, 11 ore, 18 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it