BERTINOTTI: «OK LE PRIMARIE, MA PIU’ PARTECIPAZIONE»

Primarie e partecipazione. Non sono ancora un programma, ma le due parole d’ordine per un buon inizio. Almeno così è parso ai tanti giovani che il 25 luglio hanno assistito all’incontro con Fausto Bertinotti, segretario del Prc, Vannino Chiti (Ds) e Paolo Nerozzi (Cgil), nella sala dibattiti di Zion2005, il campeggio studentesco organizzato da Udu, Uds e Mutua studentesca all’interno del Parco della Sterpaia (Piombino).


Vannino Chiti e Fausto Bertinotti a Zion 2005.

Le primarie come strumento per riavvicinare la gente alla politica, per battere Berlusconi alle elezioni del 2006. Ma non solo. «Se vinci, – ha detto Bertinotti – hai solo creato le condizioni per potere governare: per cambiare il Paese devi investire nella partecipazione». A partire dal programma, che, come ha sottolineato Vannino Chiti, «sarà scritto a più mani, dai partiti, dai movimenti, dai cittadini, nel corso di un’assemblea nazionale».

Ma quali saranno i punti centrali del programma del centrosinistra? Innanzitutto, la formazione. Per Chiti «occorre subito contrastare gli effetti devastanti della riforma Moratti». Come? Attraverso l’innalzamento dell’obbligo scolastico e la formazione permanente. Ma soprattutto attraverso maggiori investimenti nella ricerca e nell’università per sollecitare l’avvio di uno sviluppo di qualità. Il problema della formazione, poi, si lega a doppio filo con quello del mercato del lavoro. «C’è un nesso inscindibile tra quel monumento ala precarietà che è la legge 30 e il tentativo della Moratti di ricostruire una società classista – ha detto Bertinotti – Per questo occorre ribaltare il modello Berlusconi, che punta sull’aggressività delle imprese, riduce il costo del lavoro e aumenta la flessibilità». Per il leader del Prc, le imprese dovranno investire di più in ricerca e innovazione, «utilizzando quei fondi che in questi ultimi anni sono serviti a creare immense e sterili rendite».

Nel dibattito sul programma, infine, entra in gioco il rapporto tra i partiti del centrosinistra e i sindacati. “Come è difficile essere critici nei confronti di un governo ‘amico’”, ha detto in tono scherzoso Bertinotti rivolgendosi a Nerozzi. “Non c’è da preoccuparsi, anche con un cambio di governo le nostre rivendicazioni andranno avanti. E gli scioperi ci saranno”, è stata, in chiusura, la risposta del segretario nazionale della Cgil.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 1.8.2005. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    16 mesi, 12 giorni, 0 ore, 31 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it