EPIFANI: «L’ITALIA ATTRAVERSA UN MOMENTO CRITICO»

Guglielmo Epifani, segretario generale della CGIL, è intervenuto mercoledì 20 luglio all’inaugurazione di Zion, il campeggio degli studenti, situato presso il parco della Sterpaia a Piombino, intervistato da Marco Bucciantini giornalista de L’Unità, davanti a una folta platea di studenti provenienti da tutta Italia.


Guglielmo Epifani a Zion.

Il segretario generale ha sottolineato come il paese attraversi un momento critico che investe soprattutto una generazione di giovani che rischia di essere identificata con una condizione di precarietà.
Si percepisce con forza la necessità di costruire un progetto per il paese, capace di combattere la precarietà, che Epifani, anticipando lo slogan del prossimo congresso della CGIL, considera basarsi su quattro pilastri: lavoro, sapere, diritti e libertà. Questi punti, ha spiegato, vivono tra loro un legame causale inscindibile.

Riguardo all’istruzione il segretario ha sottolineato l’importanza di legare un innalzamento dell’obbligo scolastico all’abbattimento della dispersione, obiettivo che necessita di una battaglia per la legalità e la cittadinanza.
Ha inoltre ribadito come sia necessario il ritiro delle truppe dall’Iraq, anche se non sufficiente di per sé a garantirne la transizione democratica nel martoriato paese.

Per quanto riguarda la politica nazionale il segretario della CGIL ha lamentato il ritardo nella presentazione del programma da parte della coalizione di centro sinistra «programma che sarà presentato a gennaio febbraio del prossimo anno» e che invece avrebbe gradito di più un programma nato nel corso di tutto il 2005 attraverso la consultazione di tutte le forze sociali.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 21.7.2005. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 19 giorni, 23 ore, 17 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it