MAGONA: ECCO IL PUNTO SUI LAVORI AGLI IMPIANTI

A distanza di quasi un mese dall’incendio che distrusse le apparecchiature del laminatoio, la Direzione de La Magona vuole informare i propri dipendenti e tutta la cittadinanza sul planning dei lavori di ripristino.

Grazie al forte impegno di tanti Magonisti e dei dipendenti di Ditte esterne la ricostruzione sta procedendo secondo le previsioni. Per quanto riguarda la rimessa in stato della parte meccanica ed idraulica siamo in anticipo sul programma, mentre per la parte elettrica stiamo recuperando un leggero ritardo, avuto durante le demolizioni dei cavi danneggiati, rinforzando le squadre per la stesura dei nuovi cavi. Se non ci saranno imprevisti, la Direzione de La Magona prevede di poter rispettare i tempi stabiliti per il termine dei lavori di ripristino e cioè iniziare le prove in bianco per martedì 17 maggio.

Leggi Tutto…


Intanto le navi da Aviles e Sagunto con il crudo di laminazione, sono incominciate ad arrivare venerdì 6 maggio e continueranno per tutto il mese. Così per il mese di maggio avremo dal Gruppo Arcelor 37 mila tonnellate di crudo più quelle che farà il nostro laminatoio con la ripartenza la prossima settimana. Venerdì 6 maggio è ripresa la produzione sulla zincatura 4, e lunedì 9 maggio ha ripreso la produzione anche la zincatura 2 e la verniciatura 1, mentre la verniciatura 2 riprenderà lunedì 16 in modo da poter rispettare i tempi di consegna dei nostri Clienti.

La difficoltà produttiva che sta vivendo in questo momento La Magona è dovuta alla situazione del Mercato europeo ed italiano che, ad oggi, non è migliorata, sta ancora soffrendo di una bassa domanda. La concorrenza è ancora forte anche se le importazioni hanno iniziato una fase di rallentamento imputabile soprattutto alla riduzione dei prezzi del mercato interno.
La domanda dei nostri clienti è rallentata per i loro elevati stock di magazzino. La situazione dovrebbe migliorare entro il mese di luglio vivacizzando la richiesta dei nostri prodotti.
In questa particolare situazione di mercato, rimane confermata una settimana di fermo dell’attività produttiva nel mese di giugno che coinvolgerà tutti i dipendenti dell’Azienda.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 11.5.2005. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 19 giorni, 22 ore, 57 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it