ABBANDONARE E MALTRATTARE UN ANIMALE E’ REATO

L’abbandono, l’avvelenamento, l’uccisione ed il maltrattamento di animali in Italia sono considerati reati. La legge nazionale (n.189/2004) tutela come soggetti giuridicamente rilevanti gli animali cosiddetti “da affezione” e punisce questi atti con sanzioni pecuniarie da 1.000 a 15.000 euro e la reclusione fino a tre anni.

La normativa, che non è ancora sufficientemente conosciuta e rispettata dice, ad esempio, che rientrano tra gli atti illeciti anche il sottoporre gli animali a fatiche eccessive, la loro detenzione in maniera inadeguata alla loro natura e la cosiddetta “uccisione per crudeltà”, che si verifica anche per gli animali senza padrone. Eppure l’attenzione in materia è molto alta, sia da parte delle istituzioni che dell’opinione pubblica: anche a Piombino, dove la sensibilità verso gli animali è assai diffusa, sono stati avviati procedimenti contro i trasgressori. Dal canto suo il Comune, anche in collaborazione con la Regione Toscana e le associazioni animaliste locali, è da tempo impegnato con attività di comunicazione e iniziative di prevenzione, come ad esempio con le campagne contro l’uso dei bocconi avvelenati o le spiagge aperte agli animali domestici.

Molti gli aspetti sui quali riflettere: gli animali abbandonati, ad esempio, causano incidenti spesso mortali, vanno ad aggravare il fenomeno del randagismo e alimentano illeciti mercati, come quello delle pellicce e delle scommesse clandestine; l’uso di esche avvelenate, oltre a sterminare indiscriminatamente una quantità di specie anche protette sul territorio, può essere letale per l’uomo e l’ambiente. E’ importante, quindi, il ruolo delle autorità pubbliche, ma chiunque può contribuire a contrastare questi fenomeni di inciviltà, non solo con il proprio comportamento, ma anche segnalando i casi di abbandono o maltrattamento alla Polizia zoofila (Wwf), al Corpo forestale, alla Polizia municipale e a tutte le Forze dell’ordine, alle quali compete l’applicazione della legge.

Per informazioni sui servizi attivi nel comune di Piombino (ad esempio, sulle possibilità di sterilizzazione) o richieste di adozioni, gli interessati possono rivolgersi direttamente alle colonie feline o al canile municipale (Enpa, cell.320.4373147).

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 11.5.2005. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata quella di vero inizio della crisi economica di Piombino. Da allora sono passati solo
    5 mesi, 12 giorni, 1 ora, 45 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it