VENTURINA: GHERARDO COLOMBO «GIUDICA» DON MILANI

Gherardo Colombo, uno dei magistrati più conosciuti d’Italia, sarà a Venturina il prossimo 2 aprile per cimentarsi in un terreno per lui inedito; la figura di Don Lorenzo Milani, priore di Barbiana. Al centro l’ultimo libro di Mario Lancisi, “No alla guerra”, edito da Piemme, in cui si ricostruisce, a 40 anni di distanza, la battaglia del priore di Barbiana per il riconoscimento dell’obiezione di coscienza, che culminò nella celebre lettera ai giudici del tribunale di Roma che giudicarono don Milani per il reato di apologia di reato in seguito alla sua lettera ai cappellani militari.

Colombo “giudicherà” le tesi del prete fiorentino sul valore dell’obbedienza alle leggi, sul rapporto tra coscienza e norma, tra morale e diritto, sull’obiezione alle leggi ingiuste, su guerra e pace, patria e oppressi. Don Milani fu condannato in appello. E 40 anni dopo don Milani è ancora da condannare o da assolvere? Il “processo-dibattito”, organizzato da AttivArci e Rete Radie Resh, è in programma sabato 2 aprile alle 17 al Calidario di Venturina. Oltre a Colombo sarà presente anche l’autore del libro.

Lancisi nel suo libro ricostruisce la vicenda storica con una serie di interviste a protagonisti di quella vicenda, come gli allievi del priore, Francesco e Michele Gesualdi, Pietro Pinna, il primo obiettore di coscienza, Fabrizio Fabbrini, il primo obiettore cattolico, e monsignor Loris Capovilla, ex segretario di papa Giovanni XXIII, che ricostruisce i rapporti tra il Vaticano e il priore di Barbiana. Al termine del dibattito si svolgerà, nel ristorante del Calidario, una cena di solidarietà per sostenere i progetti delle due associazioni AttivArci e Rete Radié Resch, costo della cena 25 euro, comprensivo di 5 euro di solidarietà.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 1.4.2005. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 19 giorni, 1 ora, 17 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it