SS398: LA PROVINCIA VINCE IL RICORSO AL TAR

Oggi 9 marzo è stato vinto dalla provincia di Livorno il ricorso che era stato intentato dallo studio di progettazione “Consorzio Rete” di La Spezia per contestare la vittoria del primo bando da parte della ditta “Mwh” di Milano per la progettazione del prolungamento della SS 398 fino al porto di Piombino.

I giudici hanno dichiarato «improcedibile» il ricorso presentato dal Consorzio Rete, l’azienda esclusa e «inammissibile» quello della Rpa Idroesse, vincitrice del primo bando di concorso.
Ma una buona dose di suspense resta anche nel dispositivo. Il Tar infatti ordina alla Provincia «la rinnovazione della procedura nei termini di cui alla motivazione». Che cosa vorrà dire? Per l’assessore Laura Bandini la Provincia può riprendere le procedure al punto in cui erano arrivate, cioè dall’esito del sorteggio che il Tar aveva imposto tra le due ditte che, dopo la revisione dei punteggi, erano risultate alla pari. Ma l’interpretazione non è ancora univoca, e tutti sperano che non comporti l’obbligo di tornare al punto di partenza, cioè all’emissione di un nuovo bando.

Con la vittoria da parte della Provincia di Livorno del ricorso non dovrebbero esserci ulteriori stop all’avvio dello studio per arrivare alla scelta del tracciato, e dunque, i tempi che già sono stati fin troppo lunghi, potranno eventualmente essere recuperati ora che finalmente abbiamo il nome del progettista della strada.

L’atto successivo, dopo che è stato vinto il ricorso, è l’affidamento della redazione del progetto, e andrà trovato il modo migliore per penetrare la strada per il porto e trovarci nel 2008 pronti a partecipare alla gara dell’ANAS che darà finalmente il via all’opera.

Il sindaco di Piombino Anselmi ha così commentato: «Per quanto riguarda il percorso quello che sarebbe sbagliato fare è un tracciato che sia sulla carta il migliore possibile ma che sulla carta è il più difficile da attuare, con bonifiche e spostamenti di impianti.
Il nostro porto, il territorio e l’intera costa livornese non può più permettersi ritardi, visto che c’è il via libera lavoreremo tutti insieme sul progetto».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 9.3.2005. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 23 giorni, 9 ore, 17 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it