PIOMBINO: ODG CONTRO RIFORMA URBANISTICA

Sarà discussa prossimamente alla Camera la proposta di riforma urbanistica, meglio conosciuta come Legge Lupi, già approvata dall’VIII Commissione Parlamentare, che ha suscitato molta preoccupazione a livello nazionale tra architetti come Vezio De Lucia e Alberto Magnaghi firmatari, insieme ad altri, di un appello. I contenuti del disegno di legge fanno temere infatti conseguenze negative sul governo del territorio. Il documento è stato inviato a tutti sindaci toscani chiedendo di aderire all’iniziativa.

Tre gli aspetti contenuti nella legge che destano particolare allarme nelle amministrazioni locali: la sostituzione degli strumenti della pianificazione pubblica, e cioè dei Piani Regolatori, Piani Strutturali e altro, con atti da contrattare e negoziare con i soggetti interessati, e cioè con la ristretta cerchia degli operatori economici, escludendo forme di partecipazione da parte dei cittadini.

Il secondo aspetto è la soppressione dell’obbligo di riservare determinate quantità di aree alle esigenze di verde, spazi collettivi (scuole, sanità, sport, cultura, ricreazione) e spazi di vita comuni per i cittadini, un obbligo ottenuto decenni fa grazie all’impegno massiccio delle associazioni culturali, dei sindacati, delle forze politiche sensibili a questi temi.

Infine, la tutela del paesaggio e dei beni culturali sono esclusi dagli impegni della pianificazione ordinaria delle città e del territorio.
Se la legge fosse approvata – spiega ancora Tortolini – i Parchi, ad esempio, sarebbero sottratti alla pianificazione comunale e si cancellerebbero i risultati di importanti conquiste per la vivibilità e per la tutela del territorio ottenute negli ultimi decenni. L’invio del documento a tutti i sindaci toscani e l’auspicata adesione di un numero elevato di amministrazioni servirà a dare forza a questa posizione di contrasto e a sensibilizzare anche le altre regioni.”.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 10.2.2005. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 19 giorni, 4 ore, 56 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it