FIRMATA CESSIONE 70% LUCCHINI AI RUSSI DI SEVERSTAL

Oggi, 8 febbraio, accordo formale per l’ingresso della Severstal nella Lucchini. Fonti bancarie indicano che l’intesa è ormai raggiunta. L’accordo verrà sottoposto all’Antitrust e in caso di via libera, si darà corso a un aumento di capitale da circa 450 milioni, previsto al più tardi per maggio, che permetterà ai russi di rilevare dal 60 al 70%, del capitale, mentre la famiglia Lucchini, con un impegno di circa 20 milioni, manterrebbe circa il 30 per cento. Gli accordi interni tra soci, come put e call, saranno negoziati e definiti al meglio entro il varo dell’aumento.

La trattativa, in corso ormai da diversi mesi, si è conclusa nel fine settimana con un accordo che prevede la partecipazione dei futuri proprietari a un aumento di capitale per 430 milioni mentre la famiglia bresciana ne verserà altri 20. Severstal verrà così a detenere la maggioranza assoluta della società, un 60% destinato a salire al 70%. A Luigi Lucchini e ai suoi eredi rimarrà il 30%; l’ultimo 10% andrà, se i russi non vorranno rilevarlo, agli attuali soci di minoranza: Fontana Finanziaria, fondo Fidia, banche creditrici. A quanto pare, a Giuseppe Lucchini, unico figlio maschio del vecchio patriarca, verrà assegnata la presidenza mentre la carica di amministratore delegato andrà ai russi.

Il gruppo russo, controllato dal trentanovenne Alexej Mordashov, ha accettato di restituire i prestiti — circa 250 milioni — fatti dalle banche alla società bresciana nei momenti più duri della crisi. Le nuove risorse che affluiranno con l’aumento di capitale avranno infatti come destinazione prioritaria proprio l’estinzione di quei debiti. Entro il 2006, la Lucchini dovrà inoltre rimborsare due bond da 100 e 200 milioni, in scadenza rispettivamente nel maggio 2005 e nel maggio 2006, oltre a debito bancario pregresso e in corso di maturazione, tra cui un finanziamento per 86 milioni avuto dalla Banca Popolare di Novara e in scadenza quest’anno.

Vista la mole dell’esposizione, è probabile che la nuova proprietà avvii un confronto con gli istituti di credito per rivedere alcune scadenze, avviando così quel processo che potrebbe anche portare i russi al 70%. Nell’affare sono compresi tutti gli stabilimenti italiani della Lucchini (Piombino, Servola e Lovere) e quelli controllati in Francia attaverso Ascometal, con quattro stabilimenti a produzione e altri minori. Resterà invece esclusa l’acciaieria polacca di Huta, in Polonia, per la quale invece la Lucchini ha in corso trattative con l’Arcelor.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 8.2.2005. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 17 giorni, 18 ore, 24 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it