LIBERATI FENICOTTERI ROSA NELL’OASI DI ORTI-BOTTAGONE

La Riserva Naturale Oasi WWF Palude Orti-Bottagone teatro della liberazione di Fenicotteri rosa recuperati dal CRUMA LIPU di Livorno, mentre ENEL Terna assicura interventi per ridurre rischi di impatto sulle linee elettriche che attraversano l’Oasi.

E’ stata una giornata a lieto fine quella che ha visto la liberazione di due fenicotteri ospiti del Centro di Recupero Uccelli Marini ed Acquatici (CRUMA) LIPU di Livorno nella Riserva Naturale Oasi WWF Palude Orti-Bottagone.

Di fronte ad un pubblico interessato composto da numerosi bambini, gli operatori WWF e LIPU hanno restituito la libertà a Fenicotteri che avevano subito danni da impatto contro cavi elettrici.

I due uccelli, uno dei quali è stato inanellato, hanno familiarizzato subito con l’ambiente lagunare degli Orti, luogo di elezione per la loro alimentazione ed importante sito di svernamento per la specie nella Maremma toscana, aggregandosi allo stormo di 28 fenicotteri attualmente presenti nella Riserva.

Gli sforzi prodotti da WWF e LIPU nel recupero e nella liberazione di questi splendidi uccelli simbolo delle lagune costiere hanno permesso di ottenere questo risultato soddisfacente.

Nella piena ottica di collaborazione con le finalità di protezione della Riserva Naturale, la società ENEL Terna, presente alla iniziativa con i suoi massimi dirigenti toscani, ha garantito l’installazione di spire anti-collisione su tutte le linee elettriche che attraversano la zona umida protetta entro il mese di marzo 2005, allo scopo di ridurre drasticamente il rischio di impatto contro i cavi sospesi da parte degli ospiti alati dell’Oasi.

Al termine dell’evento sono state donate a tutti i bambini presenti splendide riproduzioni in ceramica raffiguranti il Fenicottero realizzate dalla società Anser di Grosseto.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 7.2.2005. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 16 giorni, 22 ore, 16 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it