CIRCONDARIO PREMIATO PER IL PROGETTO «PORTO FRANCO»

Nel corso della “Conferenza regionale per la cultura”, organizzata dalla Regione Toscana lo scorso 1 febbraio, al Circondario della Val di Cornia è stato consegnato il premio per le “buone pratiche” al progetto interculturale dal titolo “Val di Cornia porto franco”.

Ha ritirato il premio il sindaco di Suvereto Giampaolo Pioli, che ha la delega per la cultura al Circondario, in rappresentanza di tutti i Comuni del Circondario, rappresentati da tutti gli assessori alla cultura della Val di Cornia.
Il Circondario ha fatto parte, fin dal suo nascere, del progetto regionale “Porto Franco – Toscana terra di popoli e di culture”, che ha consentito di sviluppare azioni sui temi dell’intercultura, intesa nelle sue diverse forme.

Fin dal 2001 i Comuni della Val di Cornia, in collaborazione con la Provincia di Livorno, hanno partecipato al progetto “Incroci, tracce portate dai mondi”, presentato e realizzato dall’Associazione Nuovo Teatro dell’Aglio-Teatro dei Concordi di Campiglia M.ma e dal Centro Interculturale Samarcanda, attraverso la legge regionale 14/95. Da allora sono proseguite una miriade di attività, tra cui rientrano, ad esempio, il cartellone unico teatrale ed estivo dal titolo “SpettacolAzione”, quello invernale al Teatro dei Concordi in collaborazione col Teatro dell’Aglio, il conferimento della cittadinanza onoraria dei Comuni della Val di Cornia a 5 donne provenienti dagli angoli più martoriati del mondo. Ultima sfida: la realizzazione del “Palazzo della solidarietà” nel palazzo gemello di quello del Circondario.

Con questo premio la Regione Toscana riconosce l’importanza del progetto che, in Val di Cornia, ha rappresentato un momento unico per l’intercultura tra i popoli, fortemente voluto dagli assessorati alla cultura dei Comuni e dal Circondario.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 6.2.2005. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 22 giorni, 9 ore, 32 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it