CIRCONDARIO: I SINDACI DISCUTONO DELLA SANITA LOCALE

Si è riunita nei giorni scorsi la conferenza dei sindaci della Val di Cornia, presso la sede del Circondario, per discutere le questioni relative alla sanità locale in rapporto alla situazione della provincia di Livorno. Presenti tutti i sindaci della Val di Cornia, il direttore generale dell’Asl6 di Livorno Massimo Scura e il responsabile di zona Dino Franceschini.

I punti affrontati sono stati molti, anche in riferimento agli ultimi avvenimenti legati alle dimissioni del direttore sanitario. I sindaci hanno infatti chiesto informazioni sulla situazione esistente nella direzione aziendale e sulle prospettive future. Tranquillizzante la risposta di Scura che ha confermato l’imminenza di una sostituzione appropriata, con adeguate garanzie di professionalità in tempi non lunghi dopo le dimissioni del direttore sanitario.

Sulle questioni locali i sindaci hanno posto all’attenzione del direttore generale la soluzione di diversi problemi: la costruzione della nuova residenza sanitaria, la questione del personale e delle dotazioni organiche, il rilancio della chirurgia, la difesa del reparto di ostetricia e ginecologia, la riduzione delle liste d’attesa. Sul personale e le dotazioni organiche i sindaci hanno sottolineato la necessità di incoraggiare un rapporto più sereno con le organizzazioni sindacali, cercando di operare per adeguare il personale alle effettive necessità del servizio mentre un impegno significativo è stato chiesto anche per la crescita dell’ospedale di Villamarina, in particolare per quanto riguarda il reparto di ginecologia e ostetricia.

Tra i vari progetti discussi nell’ambito della riunione anche l’impegno a organizzare un consiglio monotematico a Piombino sulla sanità e una conferenza d’area socio-sanitaria per discutere lo sviluppo della Società della Salute e la qualità dei servizi territoriali.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 28.1.2005. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 18 giorni, 16 ore, 23 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it