ANCHE SUVERETO E SAN VINCENZO PER IL SUD EST ASIATICO

Anche i comuni della Val di Cornia si stanno mobilitando per dare un aiuto alle popolazioni del Sud Est Asiatico. Un esempio di tutto questo impegno per le popolazioni colpite dal maremoto si può vedere nelle azioni che Suvereto e San Vincenzo stanno intraprendendo in accordo con l’associazione dei Comuni italiani per la raccolta dei fondi.

SUVERETO: «Il mondo è ormai un unico grande villaggio. La catastrofe avvenuta nel sud-est asiatico ci riguarda tutti direttamente. Ciò che è avvenuto è eccezionale, dobbiamo reagire in modo eccezionale». E’ con queste parole che il Sindaco Giampaolo Pioli ha aperto la riunione, convocata dall’amministrazione comunale, di tutte le associazioni suveretane al fine di varare un programma di raccolta di fondi per le popolazioni dell’Asia colpite dal maremoto. In questo modo il Comune, in accordo con gli altri comuni della Val di Cornia, aderisce alla campagna promossa dall’ANCI nazionale che chiede ai comuni di mobilitarsi soprattutto in vista della ricostruzione delle strutture civili ed economiche di quelle terre, attraverso un sistema di “gemellaggi” con quei territori che sarà messo a punto una volta superata l’emergenza più grave.

L’amministrazione si impegna intanto in prima persona stanziando una somma dal proprio bilancio, mentre gli amministratori offriranno parte della loro indennità. Sarà chiesto poi ai consiglieri di devolvere i loro gettoni di presenza e alle rappresentanze dei dipendenti comunali di mettere a disposizione l’equivalente di un’ora o più di lavoro. Sarà poi inviata in questi giorni una lettera alle aziende affinché partecipino alla raccolta.
Alle associazioni è stato chiesto di partecipare, organizzando, nelle forme che riterranno più opportune, raccolte tra i propri aderenti, queste hanno tutte accettato, e con entusiasmo si sono subito messe al lavoro.

L’iniziativa del Comune resterà aperta alcuni mesi, proprio perché finalizzata alla ricostruzione e si coordinerà con le analoghe iniziative dei comuni del Circondario, per poi confluire nel fondo aperto dall’ANCI.
Per la raccolta del Comune è possibile versare il proprio contributo sia nel Conto Corrente Postale n. 125575 intestato al Comune di Suvereto, indicando la causale “intervento maremoto 2004”, sia presso la tesoreria comunale del Monte dei Paschi di Siena Filiale di Suvereto, conto n. 755.12, ABI 1030, CAB 70790, Carta Contabile
“intervento maremoto 2004”.
_____________________________________

SAN VINCENZO: Un numero di conto corrente sul quale far pervenire le donazioni, l’adozione a distanza di un bambino; la donazione del gettone di presenza al prossimo consiglio comunale da parte dei consiglieri e di una parte dell’indennità di carica da parte degli assessori; il coinvolgimento delle città gemellate. Sono queste le prime iniziative che l’amministrazione comunale di San Vincenzo sta promuovendo per contribuire a risollevare la situazione delle popolazioni del sud-est asiatico colpite dallo Tzunami. L’apertura del conto corrente da parte del Comune ha lo scopo di raccogliere le donazioni economiche dei cittadini del Comune che saranno inviate all’ANCI l’associazione di tutti i Comuni italiani, che di concerto con le Regioni, il Governo Centrale e gli indirizzi dell’Unione Europea, deciderà le priorità d’intervento, privilegiando i “gemellaggi” con i territori e le città che sono state particolarmente colpite.

Il Conto Corrente N. 10167369 è aperto presso la Banca di Credito Cooperativo di Castagneto Carducci, Filiale di San Vincenzo Corso Italia 5. Causale della donazione (possibile anche tramite bonifico) “Raccolta fondi per il maremoto in ASIA”. Il Comune ha poi aderito all’iniziativa di adozione di un bambino a distanza promossa dalla Provincia di Livorno.
Ma oltre all’amministrazione anche i privati cittadini e le associazioni si stanno attivando con proprie iniziative per non abbandonare questo popolo che impiegherà alcuni anni per ricostruire la propria terra.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 8.1.2005. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 19 giorni, 23 ore, 10 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it