VAL DI CORNIA: NATO IL COMITATO «SALVIAMO LA COSTITUZIONE»

È nato a Piombino il comitato «Salviamo la Costituzione», e le associazioni promotrici del movimento invitano i cittadini ad aderire a questa importante iniziativa che ha preso il via presso la sede del locale Comitato territoriale dell’ARCI.

Lo scopo della costituzione del comitato «Salviamo la Costituzione», è quello di impedire che l’approvazione del progetto di legge all’esame del Parlamento possa minare le fondamenta della nostra democrazia. Per questo le organizzazioni promotrici del Comitato, invitano tutti i cittadini, le associazioni e le forze politiche e sociali ad aderire, diffondere e sostenere l’iniziativa, tramite l’appello approvato nella prima riunione e riportato di seguito. Il coordinamento e la sede del Comitato sono stati individuati presso l’ARCI, mentre il programma, che partirà in gennaio, prevede un incontro pubblico sul valore della Costituzione nata dalla Resistenza, iniziative informative rivolte alle scuole e alla cittadinanza, proposte di ordini del giorno per i consigli comunali.

Al Comitato “Salviamo la Costituzione” hanno finora aderito:
ARCI, Cantiere della democrazia, ANPI, Associazione ‘Ciao Enrico’, Samarcanda, Legambiente, Rifondazione Comunista, Associazione ‘Aprile’, Verdi, Piombino Social Forum, Associazione Rete Radié Resch, Attiv’Arci.


Appello per diffondere e sostenere il Comitato “Salviamo la Costituzione”

Il Progetto di legge di modifica della Costituzione all’esame del Parlamento rappresenta un grave pericolo per la nostra democrazia.
Leggi Tutto…


È una riforma che minaccia l’universalità dei diritti e le libertà dei cittadini, scardina lo Stato, destruttura il sistema parlamentare, mette in discussione la separazione dei poteri, subordina la Corte Costituzionale alle decisioni dei partiti, riduce il ruolo del Parlamento e del Presidente della Repubblica, concentrando i poteri nelle mani del capo del governo.
È una riforma che, riscrivendo 49 dei 139 articoli della Carta Costituzionale di fatto ne rinnega i valori e i principi fondamentali.
È quindi urgente e necessario mobilitare tutte le forze per una azione ampia di sensibilizzazione dell’opinione pubblica, che partendo dalla migliore conoscenza della nostra Costituzione, dei suoi principi e dei suoi valori, faccia acquisire a tutti la consapevolezza dei pericoli che questa legge comporta per il nostro paese.

Occorre dunque che fin da subito tutte le coscienze democratiche ne contrastino l’approvazione definitiva; se la lege di riforma costituzionale venisse approvata, allora sarà necessario mobilitarsi per il referendum popolare, come prevede la stessa Costituzione.
Mentre a livello nazionale si è costituito il Coordinamento nazionale per il referendum, con la presidenza onoraria di Oscar Luigi Scalfaro, a Piombino, come in altre parti d’Italia, è nato il Comitato “Salviamo la Costituzione”, per il quale rivolgiamo questo Appello alle Associazioni, ai Movimenti, ai Sindacati, ai rappresentanti delle Istituzioni, ai Partiti, alle Associazioni partigiane, ai Parlamentari, agli esponenti della scuola, della cultura e della informazione, a tutti i cittadini democratici ed ai giovani, perché aderiscano e diano forza e autorevolezza al Comitato.

Per informazioni e per aderire è possibile contattare il Comitato presso la sede dell’ARCI, Via Tellini 58 Piombino, tel. 0565-221310 oppure inviare una e-mail a info@cantieredellademocrazia.it

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 27.12.2004. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata quella di vero inizio della crisi economica di Piombino. Da allora sono passati solo
    5 mesi, 14 giorni, 7 ore, 50 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it