GLI AUGURI DI NATALE DEL NOSTRO VESCOVO SANTUCCI

Pubblichiamo gli auguri di Natale del Vescovo della Diocesi di Massa Marittima – Piombino, Giovanni Santucci. Con l’occasione inviamo a tutti i lettori i nostri migliori auguri di un sereno Natale.

Sono grato ai quotidiani locali che mi permettono ogni anno di potere presentare a ciascuno di voi l’augurio per il Santo Natale e per l’anno nuovo. E’ una occasione semplice ma genuina e non solo di cortesia.

L’augurio è un modo semplice per dirci il desiderio di un futuro migliore, nasce dalla considerazione di un presente difficile e faticoso che ci spinge a guardare al domani con la speranza di una vita migliore.
Anticamente gli “àuguri” guardavano le stelle, il volo degli uccelli; un po’ come i moderni maghi guardano le carte o leggono la mano.

Cosa sarà il domani? Ce l’ho chiediamo spesso e l’esperienza ci dice che se non cambiamo qualche cosa, il domani sarà come oggi e come ieri !
Perché cambiare però, o chi deve cambiare qualcosa ?
Certamente gli altri! Cosi le cose rimangano ferme e domani sarà già vissuto.
Come cristiani abbiamo una certezza: il Natale, la nascita del Figlio di Dio tra noi: E’ il nuovo di cui abbiamo bisogno per vivere nella speranza di un domani migliore. Come in tutte le cose dello spirito, c’è bisogno di libertà. La fede non si impone per forza, neppure nelle sue espressioni sociali o culturali.

Il Natale è per tutti gli uomini di buona volontà, per chi si fida di Dio, per chi sa guardare oltre se stesso, per chi ha desiderio di futuro e sa che alla vita non si può rinunciare, mai.
Cosi mi viene alla mente la vicenda dei Magi di cui ci narra il vangelo. Tutti hanno bisogna di una meta nel loro cammino, la sola strada basta solo agli sciocchi; tutti vogliono andare, tutti sono pronti a partire. Nessuno conosce la meta.
Appare un segno, una stella nel cielo, solo i Magi la vedono e si mettono in marcia; solo i Magi troveranno Gesù.

Il Natale è per tutti, la vita nuova è per tutti ma non tutti sanno alzare lo sguardo, vedere la stella, fidarsi della guida che Dio offre.
Cosi è ancora oggi, sempre:
Siamo stanchi di sofferenza, di lottare, di morire eppure non abbiamo l’umiltà e il coraggio di cambiare, di seguire una stella che ci guidi alla meta sognata. Ci facciamo gli auguri, certamente sinceri, di una vita più bella, più serena. Augurarcela non costa niente:
Ci auguriamo la forza di un rinnovamento serio e profondo del nostro modo di vivere sorgente e causa del nostro soffrire, ci auguriamo il coraggio di lasciare il nostro difficile stare per le vie nuove di verità e di pace che Gesù ci offre e nel suo Natale.

Buon Natale, di cuore, a tutti.

+ Giovanni Santucci

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 24.12.2004. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata quella di vero inizio della crisi economica di Piombino. Da allora sono passati solo
    5 mesi, 12 giorni, 1 ora, 46 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it