AFFIDAMENTI: VALE PIU’ UN FIGLIO O UN ANIMALE?

Pubblichiamo volentieri la lettera di un genitore della associazione Ge.Fi.S. che vuole farci riflettere sul problema degli affidamenti monogenitoriali in caso di divorzio e della lentezza dell’iter parlamentare di questa importantissima legge.

Spett.le Redazione,
innanzitutto occorre premettere che io sono un amante degli animali i quali secondo me, come tutti gli esseri viventi, meritano il giusto rispetto. In Italia però, da ormai 3 anni a questa parte, stiamo assistendo a situazioni che hanno dell’inverosimile.

Mi riferisco alle riforme sulla Legge che regolamenta le Separazioni e gli Affidi dei Minorenni nelle cause Giudiziali, o ordinate dal Tribunale per i Minorenni. Infatti da ormai tre anni i nostri parlamentari, che regolarmente paghiamo con le nostre tasse, discutono sull’Affido Condiviso dei figli coinvolti nelle sempre più frequenti separazioni, ma non sembrano, allo stato attuale, cacciare il “famoso” ragno dal buco.

Leggi Tutto…


La stranezza è che per legiferare sui morsi dei cani e sulle conseguenze penali per chi abbandona un animale ci hanno impiegato 5 giorni, mentre per riformare una Legge ormai vecchia e da seppellire, che ancora regolamenta l’Affido dei nostri figli nei casi di separazione, oggi purtroppo ancora affidati per oltre il 90% dei casi alle madri, ci stanno discutendo da ormai tre anni. Da questo se ne deduce facilmente che, per i nostri parlamentari, i Nostri Figli contano meno degli animali, ovvero hanno priorità gli animali rispetto alla vita dei Nostri Figli.

Allora, quando saranno più grandi, ai Nostri Figli dovremo dire che per chi governa attualmente questo Paese, loro sono meno importanti degli animali, oppure sarà il caso che, data la crescita esponenziale dei casi di Separazione ed Affido dei Minori in Italia, i nostri strapagati Parlamentari, si diano una mossa a decidere favorevolmente sull’Affido Condiviso?

Non credo occorra ricordare ai nostri parlamentari che chi li vota sono degli uomini, non degli animali e che, come tali, se questa questione spinosa non verrà risolta al più presto, alle prossime elezioni dovranno chiamare a votare i “Lupi”.

Occorre invece ricordare che allo stato attuale dell’applicazione delle Leggi sul Diritto di Famiglia nelle cause di separazione, quando regna imperterrito ancora l’affido monogenitoriale, i Nostri Figli soffrono tantissimo e non vorremmo vederli trasformati in “Lupi” entro i prossimi anni.

Sarebbe veramente la fine della società italiana.

FAUSTO PAESANI – Ge.Fi.S. – Comitato Genitori di Figli Sequestrati – Senza Scopo di Lucro.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 3.11.2004. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 16 giorni, 13 ore, 15 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it