NOMINATO IL PRESIDENTE DELLA «SOCIETA’ DELLA SALUTE»

E’ nata in Val di Cornia la «Società della salute» che andrà a gestire i servizi sanitari e sociali nel territorio, con un intesa tra l’assemblea dei Comuni della Val di Cornia e l’Asl 6 di Livorno che è stata sottoscritta mercoledì 20 ottobre nei locali del Circondario della Val di Cornia.
L’obbiettivo della neonata «Società della Salute» è quello del sostegno ai crescenti bisogni della comunità, come l’assistenza sanitaria e quella sociale sul territorio.

La gestione della Spa sarà basata su un’assemblea che sarà composta dai sindaci dei comuni della zona oltre al direttore generale dell’azienda sanitaria 6, l’ingegner Massimo Scura.
Il presidente, che sarà anche il presidente dell’assemblea, è Silvia Velo, sindaco di Campiglia Marittima. Il direttore, che avrà compiti tecnici e che coordinerà i servizi sanitari e sociali coadiuvato da uno staff tecnico è Dino Franceschini, responsabile della Zona Piombino Val di Cornia della Asl 6.
Le funzioni di segretario sono state affidate alla dottoressa Massai che attualmente ricopre anche l’incarico di segretario generale del Comune di Piombino.

Il direttore sarà poi affiancato da un responsabile sanitario, da un responsabile amministrativo e da un responsabile sociale. Il presidente della società della salute avrà prettamente compiti istituzionali (convocherà, ad esempio, la giunta, e presedierà l’assemblea). L’assistenza ospedaliera, invece, avrà un suo specifico funzionamento e sarà legata all’attività e alla programmazione di area vasta. Sparirà il Pal, il piano attuativo locale, che sarà sostituito dal piano della salute che ingloberà il vecchio Pal e il piano sociale di zona.

La società della salute lavorerà in rapporto con la consulta del terzo settore (formata da associazioni di volontariato e no profit) e col comitato di partecipazione (composto dai rappresentanti degli utenti, come – per esempio – il Tribunale dei diritti del malato).

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 20.10.2004. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 18 giorni, 16 ore, 13 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it