AL VIA PREPARATIVI PER «ADOTTA UNA PIGOTTA» 2004

Iniziano i preparativi per il tradizionale appuntamento natalizio con la bambola della solidarietà dell’Unicef con il primo incontro tra gli organizzatori e i promotori del progetto Pigotta, che anche quest’anno vedrà la partecipazione della città di Piombino.

Come è noto, la Pigotta è una bambola di pezza, confezionata da ragazzi e adulti, che può essere “adottata” nei giorni precedenti al Natale con un contributo di 20 euro: il ricavato va a sostenere la campagna di vaccinazione dell’Unicef nei paesi in via di sviluppo, una delle principali battaglie che ormai da molti anni l’organizzazione internazionale sta combattendo per sconfiggere le malattie killer dell’infanzia. Per l’edizione 2004 è stata confermata, a livello locale, l’organizzazione che prevede il ruolo di coordinamento del Comitato Unicef di Livorno e del Comune: i volontari della Banca del Tempo gestiranno lo stand in piazza Verdi, dove dal 13 al 18 dicembre saranno esposte e messe in adozione le Pigotte.

Pronta, come sempre, la risposta della collettività all’appello dell’Unicef: Auser, Ciasa, Scuola media, I e II Circolo didattico, Circoscrizione Riotorto, Comando dei Vigili del Fuoco Centro Studi Minerva hanno già dato la loro adesione. Nel corso della riunione, alla quale sono state presenti l’assessore alle Politiche sociali Anna Tempestini e la responsabile del Comitato Unicef livornese Paola Bachini, è stato consegnato gratuitamente il materiale per la confezione delle bambole (cartamodello, stoffa e imbottitura), che fino ad esaurimento continuerà ad essere distribuito gratuitamente nei prossimi giorni presso l’Urp del comune di Piombino.

INFO: Ufficio Relazioni con il Pubblico, Palazzo comunale via Ferruccio 2, tel.0565.63274

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 15.10.2004. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 20 giorni, 21 ore, 12 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it