PIOMBINO: ORDINANZA DI SGOMBERO PER L’EX SIDERCO

E’ stato notificato in questi giorni a Lucchini e a Siderco il preavviso di emanazione dell’ordinanza di sgombero dell’ area dell’ex-cantiere Siderco, acquistata dal Comune nel 2000.

Si tratta di una comunicazione di avvio del procedimento, prevista dalla legge 241/90, sulla base della quale le aziende interessate possono presentare memorie entro il termine di 20 giorni dal ricevimento della notifica. Trascorso questo periodo il Comune potrà emanare l’ordinanza di sgombero vera e propria.

“E’ un provvedimento concreto, che, insieme all’atto d’obbligo e all’istituzione delle commissione ambiente tende a raggiungere obiettivi significativi, finalizzati al miglioramento ambientale e alla riqualificazione delle aree ancora oggi impropriamente occupate dall’industria.” –dice l’assessore all’ambiente Luciano Francardi – “In questa fase aspettiamo quindi le controdeduzioni da parte della Lucchini, dopo faremo partire il provvedimento che darà un tempo massimo di 18 mesi per la liberazione delle aree. In ogni caso è nostra intenzione avviare un tavolo di trattativa con l’azienda in tempi più rapidi rispetto a quelli previsti dal piano industriale, per decidere insieme i passaggi da effettuare”.

Sulla questione Siderco esiste un contenzioso tra Lucchini e Comune. Dal 2001 l’azienda ha infatti impugnato il provvedimento con il quale il Comune di Piombino aveva deliberato l’appartenenza del complesso immobiliare al proprio patrimonio indisponibile. Il ricorso Lucchini è stato però dichiarato “irricevibile” da un decreto del Presidente della Repubblica del febbraio scorso perché presentato oltre i termini consentiti dalla legge.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 8.10.2004. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 16 giorni, 13 ore, 1 minuto fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it