LEGAMBIENTE: PIOMBINO TRA I COMUNI PIU’ RICICLONI

L’iniziativa di Legambiente, che annualmente stila una classifica dei Comuni più virtuosi nel riciclaggio dei rifiuti, e che si è svolta mercoledì 7 luglio a Roma, ha visto la città di Piombino tra le più riciclone.

A ricevere il premio per la città di Piombino c’era l’assessore all’ambiente Luciano Francardi. Per la raccolta differenziata Piombino risulta essere infatti fra i primi 10 Comuni del Centro Italia, con una percentuale che supera il 35% ed una crescita progressiva negli ultimi anni (nel 2000 la percentuale di recupero era inferiore al 25%).

Oltre alla quota di riciclaggio, la classifica dei Comuni è stata disposta anche attraverso un indice che considera 15 parametri diversi, tra cui la presenza di discariche sul territorio in grado di convertire e rivendere la raccolta differenziata. E questo è certamente un altro elemento di qualità che ha favorito Piombino rispetto ad altri Comuni.

“Dalla manifestazione è emerso un cambiamento culturale importante – fa notare l’assessore Francardi – Dal 1998 ad oggi, infatti, in tutta Italia la percentuale di riciclaggio è aumentata dell’89%, anche se persistono ancora forti differenze tra le varie aree geografiche del paese. Il nostro obiettivo è comunque quello di raggiungere un recupero pari al 50% e di disperdere il meno possibile nell’ambiente incrementando la percentuale di vendita dei rifiuti una volta recuperati. Gli investimenti effettuati da Asiu in questo settore negli ultimi anni, attraverso la realizzazione delle isole ecologiche, il posizionamento dei numerosi cassonetti per la raccolta differenziata e le iniziative di educazione ambientale con le scuole, sono stati determinanti per il raggiungimento del risultato”.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 8.7.2004. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 18 giorni, 23 ore, 17 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it